menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'auto bruciata

L'auto bruciata

Incendio nella notte, coinvolta anche la macchina di un candidato consigliere di Terra e Acqua 2020

È accaduto nella notte fra sabato e domenica ed è stata fatta denuncia ai carabinieri

Di fronte alla sede mestrina di Terra e Acqua, in corso del Popolo, è andata a fuoco un'auto, nella notte fra sabato e domenica. Lo ha riferito la lista civica in corsa per le comunali del 20 e 21 settembre, precisando che il fatto è stato denunciato ai carabinieri. A scoprire l'accaduto Nicola Sabatini, il candidato proprietario della macchina. Ad avvisarlo sono state una chiamata dei vigili del fuoco, che gli hanno notificato l'intervento avvenuto alle 2.15 di domenica mattina, e quelle dei vicini commercianti.

Ancora da stabilire la matrice, se dolosa o accidentale, «sebbene i vigili del fuoco propendano per la prima ipotesi», scrive Terra e Acqua 2020. L'auto, che si trovava in prossimità di un cassonetto, lunedì mattina è stata vista con la parte sinistra visibilmente danneggiata. Non è da escludere che l'obiettivo principale dei vandali potesse essere il cassonetto. «Non ho mai litigato con nessuno, non so se sia un attacco perché non ho mai avuto a che fare con questi episodi, né so se solo il calore possa aver sciolto le plastiche dell'auto. Dal faro anteriore in giù tutto è colato, la fiancata è ingiallita e le plastiche sono fuse. All'interno devo ancora fare le valutazioni. Mi disturba molto questo fatto, infastidisce», ha affermato il candidato consigliere comunale.

Quanto accaduto è stato commentato anche da Ottavio Serena, designato assessore alla sicurezza della lista: «Si tratta di un fatto spiacevole, perché il vandalismo non può esser tollerato - esordisce l'ex generale dei carabinieri - Se anche fosse "solo" un atto vandalico, è comunque da condannare, una città non può essere ostaggio di questi atti e chi è alla guida deve necessariamente farsene carico». «Se si dovesse trattare di qualcosa di più grave come un avvertimento, si sappia che ci vuole ben altro per intimorirci», afferma il candidato sindaco della lista, Marco Gasparinetti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento