menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Se la prende con i ciclisti appaiati a lato strada: scatta la lite ed estrae la pistola

Un 55enne della terraferma veneziana denunciato per minacce aggravate mercoledì mattina a Fusina. Sorpassa i ciclisti "sfiorandoli" e nasce un diverbio. Aveva un'arma da soft air

Per dirimere la questione ha preferito ricorrere a metodi poco diplomatici, beccandosi una denuncia in stato di libertà per minacce aggravate. D'altronde se si estrae una pistola in tutto e per tutto simile a quelle in dotazione alle forze dell'ordine pur di avere ragione, qualche conseguenza penale la si ha.

AUTOMOBILISTA CONTRO CICLISTI

L'episodio si è verificato verso le 7 di mercoledì nelle vicinanze del centro nautico di Fusina. La scintilla è stata innescata nel momento in cui il conducente di un furgone avrebbe sfiorato mentre era alla guida un cittadino in compagnia del fratello e di un amico. Procedevano in bicicletta appaiati e l'automobilista sarebbe andato su tutte le furie, attaccandosi al clacson e lanciandosi in una manovra di sorpasso che avrebbe messo a repentaglio l'incolumità dei ciclisti. A quel punto sarebbero volate parole grosse, che hanno indotto l'automobilista, un 55enne residente nella terraferma veneziana, ad accostare il furgone in corrispondenza di una darsena e a scendere.

DURANTE LA LITE ESTRAE LA PISTOLA

E' "apparso" un uomo alto circa 2 metri, di corporatura atletica e dai capelli rasati. Questa la descrizione fornita dai suoi interlocutori, che non hanno ascoltato granché delle sue parole. Il motivo è che il 55enne teneva in mano una pistola, per fortuna finta. Si trattava di un'arma da soft air, riproduzione di un modello Beretta 92 FS in dotazione alle forze di polizia. Inevitabile impaurirsi, anche se l'uomo avrebbe sempre tenuto l'arma puntata verso il basso. Il trio a quel punto si sarebbe allontanato, avvertendo la Questura dell'accaduto e segnalando la targa del furgone. Le volanti, giunte sul posto, hanno individuato il sospetto, P.L., che ha ammesso tutto consegnando la pistola ad aria compressa in libera vendita, poi sequestrata. L'avrebbe detenuta per difesa personale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento