Mestre

Cinque anni e lotta con la leucemia Si cerca donatore di midollo osseo

Mezza città si mobilita per aiutare un bimbo mestrino che deve combattere per la seconda volta contro la tremenda malattia del sangue

Ha solamente cinque anni, ma sta già combattendo la sua seconda battaglia contro la leucemia, questa volta, però, al suo fianco si è schierata mezza Mestre. Il figlio di una coppia cittadina sta infatti diventando il protagonista di una vera e propria gara di solidarietà, come riporta la Nuova Venezia: amici, parenti e semplici estranei stanno facendo la fila per scoprire se potranno fornire l'aiuto che serve.

CERCASI MIDOLLO – Il bambino è affetto da una forma grave di leucemia, con cui aveva già dovuto scontrarsi tempo prima, solo per vederla tornare più aggressiva di prima nelle ultime settimane: all'insorgere del cosiddetto “cancro del sangue” oggi si hanno l’80 per cento di possibilità di sconfiggerlo, ma quando la malattia si ripresenta in fase recidiva, le possibilità di eliminarla di nuovo scendono al 50 per cento. Per salvare il piccolo serve midollo osseo, ma trovare un donatore compatibile non è facile: per i consanguinei c’è una possibilità su quattro di essere adatti, tra gli estranei il rapporto sale a uno su centomila. Ma la popolazione di Mestre ha deciso di giocare di squadra, e in questi giorni è boom di iscrizioni all'Associazione donatori di midollo osseo, dove in tantissimi si stanno registrando per scoprire se compatibili con il piccolo malato.

COME FUNZIONA – L'appello della famiglia è chiaro, ma è importante ricordare anche cosa viene chiesto ai donatori: il midollo osseo non va confuso con quello spinale e la sua estrazione è oggi molto meno invasiva e dolorosa rispetto ad una volta. Il recupero di cellule staminali, che veniva fatto con un prelievo dalle ossa del bacino, con una notte in ospedale con esame in anestesia, ora viene fatto centrifugando il sangue prelevato da un braccio e reimmesso in circolo dall’altro. Il tutto dura un’ora o poco più senza alcun ricovero o dolore. I risultati verranno poi inseriti in un database mondiale, permettendo a chiunque ne abbia bisogno, in tutto il globo, di sapere chi è compatibile con chi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinque anni e lotta con la leucemia Si cerca donatore di midollo osseo

VeneziaToday è in caricamento