MestreToday

Chiede la carità con un cucciolo di bassotto, liberato dalla Municipale

Un barbanera di 21 anni multato dagli agenti in via Querini a Mestre giovedì mattina. Quel che più conta è che il cane è stato confiscato

Di segnalazioni ne sono piovute diverse, com'era accaduto nei mesi scorsi anche per quanto riguarda il cucciolo di dobermann tolto a un barbanera che mendicava all'altezza della Pam di corso del Popolo (DETTAGLI). Giovedì mattina gli uomini della polizia municipale sono intervenuti invece in via Querini: da alcuni giorni gravitava in zona un giovane senzatetto di nazionalità romena. Dai documenti esibiti avrebbe 21 anni, anche se accertamenti sono in corso per stabilire se quest'ultimi siano in regola.

Fatto sta che in città mendicare con un cane in braccio non è possibile. E' maltrattamento. Per questo motivo al senza fissa dimora sono state elevate diverse sanzioni per un ammontare totale di 150 euro. Ma quel che più conta al giovane è stato requisito anche quel cucciolo di bassotto che aveva sempre con sé, su cui ora saranno i veterinari dell'Ulss 12 a stabilirne la provenienza controllando la presenza di un eventuale chip. Dopodiché il cucciolo verrà affidato al canile di San Giuliano per poi avviare le pratiche per l'adozione. Un iter che, come nel caso precedente, potrebbe durare circa tre mesi. Periodicamente in giro per le strade della città fanno capolino episodi del genere, cui la polizia municipale intende mettere un freno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento