Mestre Mestre Centro / Via Palazzo

«Via torre e supermercato. Lavorare assieme per viale San Marco». In bici contro il progetto

La biciclettata di domenica organizzata dal Comitato davanti al Municipio in via Palazzo per dire «No» alla variante urbanistica. «Sono già altre le iniziative programmate nelle prossime settimane»

La biciclettata di oggi, domenica 23 maggio, ha fatto tappa al Municipio di via Palazzo a Mestre per dire «No» alla torre di 70 metri progettata in viale San Marco. Il comitato omonimo ha organizzato il ritrovo verso le 10. Sono stati illustrati alla cittadinanza gli sviluppi della vicenda urbanistica che coinvolge l'area dell'ex campo da calcio del Real San Marco. Oltre alla torre, il progetto del supermercato di 4.500 metri quadri vede contrari molti residenti e piccoli commercianti della zona. L'iniziativa ha voluto coinvolgere la città contro il piano di bonifica e riqualificazione approvato dalla giunta, che attribuirebbe poco spazio al verde, a cominciare dal campo da calcio che moti vorrebbero disinquinato ma con la stessa funzionalità. Un tempo, viene ricordato, quando viale San Marco accolse migliaia di veneziani in terraferma, in queste zone, si progettarono case basse e spazi aperti che ricordassero appunto l'architettura della città lagunare che ora potrebbe venir cancellata.

«Sono già altre le iniziative programmate nelle prossime settimane», ha fatto sapere il comitato, per contrastare la "cementificazione" di viale San Marco. Sul piano in questione perplessità sono emerse anche da parte di consiglieri della stessa maggioranza al governo della città. «Rispetto alle notizie apparse sulla stampa circa la vendita già ora dell'attico o di altri appartamenti della torre, viene da chiedersi che cosa sappia lo "sviluppatore" che noi ed il consiglio comunale non sappiamo - scrive il comitato - visto che l'iter amministrativo di approvazione della variante urbanistica è appena cominciato e appare tutto in salita. Da dove arriva tutta questa sicurezza circa il suo esito? Le idee sembrano molte ma confuse - continua -, un giorno si parla di residenziale, un altro giorno di hotel. L'unica certezza è che il "rilevante interesse pubblico" per votare una variante di tale portata, ad oggi, non c'è. Noi chiediamo, insieme a tutti i firmatari della petizione (in corso), di accantonare questa delibera per valutare, col proprietario e i residenti della zona, utilizzi alternativi dell'area, più in linea con quella che è la sua attuale destinazione (verde pubblico e attrezzature collettive)». «Condividiamo le nostre preoccupazioni su questo progetto, coinvolgiamo più persone possibili. Una partita che va giocata tutti insieme ...non riguarda solo il villaggio San Marco ma tutta Mestre», si legge sulla pagina Facebook "Il viale non lo vuole".

Biciclettata viale San Marco-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Via torre e supermercato. Lavorare assieme per viale San Marco». In bici contro il progetto

VeneziaToday è in caricamento