rotate-mobile
Bissuola Mestre Centro / Riviera Marco Polo

Mestre, poliziotti si tuffano nell'Osellino e salvano un uomo dall'annegamento

Pochi minuti dopo le 23 di venerdì un passante ha allarmato la questura: una persona era nell'acqua del canale in riviera Marco Polo. Gli agenti hanno nuotato e l'hanno portato a riva

Non hanno esitato a gettarsi nelle acque dell'Osellino per metterlo in salvo. Pochi minuti dopo le 23 un passante ha segnalato alla centrale operativa della questura che c'era una persona in difficoltà tra le acque del canale, in riviera Marco Polo. Non c'era tempo da perdere.

Gli operatori delle volanti hanno raggiunto subito il luogo indicato e hanno individuato, a una distanza di circa 10 metri dalla riva, la sagoma di una persona in difficoltà. L’uomo, infatti, scompariva ripetutamente sotto il livello dell’acqua torbida per poi riemergere a fatica.

Non essendoci altre vie di accesso alla riva opposta, gli operatori si sono gettati in acqua e hanno iniziato a nuotare senza mai perdere di vista il malcapitato. Una volta raggiunto lo hanno afferrato, facendolo riemergere dall’acqua, e con non poca fatica sono riusciti a condurlo a riva.

Qui, gli operatori gli hanno prestato il primo soccorso e hanno chiamato i sanitari del Suem. L’uomo è stato immediatamente trasportato all’ospedale. Anche gli agenti sono stati sottoposti a una visita medica avendo ingerito, durante il salvataggio, l’acqua non certo salutare del canale.


Ora gli investigatori stanno approfondendo i motivi dell'accaduto. Non è ancora chiaro infatti se si sia trattato di un tentato suicidio, di un malore o la conseguenza di un'aggressione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mestre, poliziotti si tuffano nell'Osellino e salvano un uomo dall'annegamento

VeneziaToday è in caricamento