rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Mestre

Bolletta del riscaldamento da quasi 2mila euro a una 97enne

La denuncia dei familiari ad Adico: «Le fatture continuano ad arrivare anche dopo la sua morte»

«E’ normale spendere quasi 1.800 euro per un anno di riscaldamento, quando si hanno 97 anni, si vive da soli in una casa da 60 metri quadri e per sei mesi si è rimasti ricoverati in una struttura ospedaliera? Per l'azienda di fornitura la cosa, evidentemente, è normale, come è normale, d’altra parte, continuare a inviare fatture del gas anche ora che l’anziana è deceduta e la casa è chiusa perché inabitata. Sia quel che sia, la cosa certa è che per i figli di A.P., pensionata veneziana classe 1923 morta lo scorso aprile, quell’abitazione di via San Donà  a Mestre dove abitava la donna sta diventando un vero e proprio incubo». A raccontare l'accaduto è l'Adico, alla quale si sono rivolti ora i familiari della donna per affrontare l'azienda che starebbe proseguendo con i tentativi di recupero di un credito che, secondo l’ultimo messaggio, ammonta ormai a quasi 2.500 euro: la bolletta da circa 1.800 euro, più altre per consumi riferiti a periodi successivi al decesso della pensionata.

«Tutto comincia circa un anno fa quando i figli di A.P. si ritrovano ad affrontare una bolletta del gas da 1.765,98 euro. Un conguaglio per un anno di fornitura che risulta abnorme e ingiustificato. L’anziana, infatti, viveva in un appartamento di 60 metri quadri, cucinava pochissimo perché i figli le portavano spesso da mangiare o la invitavano a casa loro per pranzo - spiegano da Adico -. Non solo. Per sei mesi la 97enne mestrina è rimasta ricoverata all’ospedale a causa di acciacchi legati all’età. Da dove può scaturire questa bolletta esorbitante? E perché Enel Energia continua a inviare fatture con richieste di pagamento anche se la casa di via San Donà è chiusa dato che A.P. è morta il 28 aprile del 2020?». La famiglia, ora, chiede chiarimenti. «Il nostro obiettivo è quello di ridefinire l’importo del conguaglio da circa 1.800 euro e chiedere l’annullamento delle bollette successive al decesso della pensionata - dice Carlo Garofolini, presidente di Adico -. Inutile dire, poi, che, essendo la casa vuota, non devono più essere inviate fatture alla famiglia della donna. C’è da dire che l’anziana ha sempre pagato regolarmente tutte le bollette e, in più, nel 2019, ha installato una caldaia nuova ad alta efficienza energetica.  Cos’è successo dunque al sistema di fatturazione».    

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bolletta del riscaldamento da quasi 2mila euro a una 97enne

VeneziaToday è in caricamento