menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paga le bollette alle Poste, ma i soldi vanno a finire in un altro conto corrente

È successo ad un mestrino, Veritas avrebbe poi annunciato l'intenzione di sospendere il servizio perché all'azienda il pagamento non risulta. L'uomo si è rivolto ad Adico

Paga regolarmente le bollette tramite il bollettino prestampato di Veritas, ma quei soldi finiscono in un altro conto corrente. È la disavventura capitata a Mario Scarpa, mestrino residente alla Cipressina e dipendente di un albergo in terraferma. Ora l’azienda lo avrebbe minacciato di sospendergli l’erogazione dell’acqua se non pagherà due bollette che, in realtà, ha già onorato, come testimoniano le ricevute delle Poste. In realtà quello del signor Scarpa sarebbe il secondo identico caso seguito da Adico, a cui un’altra persona s’è rivolta di recente denunciando lo stesso problema in relazione a quattro bollette di Veritas.

La storia comincia nel 2014, quando Veritas invia un sollecito per una bolletta da 61 euro del servizio idrico già pagata. "Pur avendo la ricevuta del versamento – racconta il mestrino – ho preferito ripagare, per evitare che mi togliessero l’acqua. L’ho fatto con un bollettino in bianco da compilare e il versamento è andato a buon fine”. Successivamente, però, Veritas contesta le morosità di altre fatture, sia dell’acqua che della Tari. Eppure la famiglia ha tutta la documentazione che testimonia quei pagamenti e la invia all’azienda. Niente da fare. Veritas comunica che quei soldi sono finiti su un conto corrente diverso il quale, dopo alcune ricerche effettuate dai signori Scarpa, risulta essere di Enel.

A questo punto Mario Scarpa si rivolge all’Adico che contesta a Veritas la situazione. “I nostri clienti sono stati invitati a rivolgersi alla Poste – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’associazione -. Noi nel frattempo abbiamo scritto all’azienda per contestare le loro pretese. Ora stiamo attendendo le opportune verifiche, ma nel frattempo l’azienda ha annunciato la sospensione del servizio entro 48 ore per le due bollette più vecchie, pur sapendo che la famiglia ha pagato e non ha alcuna responsabilità in merito. Ci sembra un comportamento scorretto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento