MestreToday

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO Bomba Day domenica 25 ottobre: alle 6 comincia l'evacuazione

Sarà sgomberata un'area nel raggio di 468 metri dalla zona di ritrovamento dell'ordigno, in via Torino a Mestre

 

Domenica 25 ottobre 2020 gli artificieri dell'Esercito saranno impegnati nelle operazioni di bonifica di un grosso ordigno bellico trovato a Mestre, durante i lavori di realizzazione del campus univeritario Ca' Foscari. L'ordigno, una bomba d'aereo da 500 libbre di fabbricazione statunitense risalente al seconfo conflitto mondiale, sarà disinnescato dagli specialisti dell'8° reggimento genio guastatori paracadutisti di Legnago (VR) per poi essere consegnato, ormai inoffensivo, ai palombari della Marina Militare che procederanno con la distruzione per brillamento in mare aperto.

Le evacuazioni

Per garantire la massima cornice di sicurezza, oltre alla realizzazione di imponenti opere di mitigazione sul sito di rinvenimento, sarà evacuata la popolazione per un raggio di poco meno di 500 metri, chiuso il traffico ferroviario in entrata e uscita da Venezia ed interdetto il sorvolo di qualsiasi velivolo su tutta la zona di opetazioni. In particolare, si comincerà alle 6 del mattinocon lo sgombero dell'area di sicurezza per un raggio di 468 metri. Sarà allestito un centro di accoglienza per la popolazione alla parrocchia di San Giuseppe, in viale San Marco. 

Dalle 6.30 sarà interrotto il tratto stradale tra il cavalcavia San Giuliano e Rampa Rizzardi, oltre alla circolazione ferroviaria nel tratto Veenzia-Mestre. Saranno impegnati 90 volontari della protezione civile in collaborazione con la polizia locale e le forze dell'ordine, incaricate anche del servizio anti sciacallaggio.

Dall'inizio dell'anno i guastatori paracadutisti della Brigata Folgore hanno condotto 300 interventi di bonifica per un totale di circa 800 ordigni neutralizzati nelle sette province di competenza.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento