MestreToday

Disinnesco della bomba in via Torino. «Utilizzato un nuovo sistema» VIDEO

Il colonnello Dello Monaco: «L'ordigno ANM 64 da 500 libbre ha la stessa tipologia di inneschi di quello che abbiamo gestito a febbraio a Porto Marghera»

(©Antonella Gasparini)

«Si tratta di un ordigno verosimilmente trasportato dallo stesso mezzo che effettuò l'attacco sul polo industriale di Porto Marghera». Spiega così, il comandante dell’ottavo reggimento Guastatori Paracadutisti Folgore di Legnago (Verona), Gianluca Dello Monaco, le caratteristiche della bomba trovata nel campus di via Torino a Mestre e che viene disinnescata domenica mattina, 25 ottobre, dopo aver evacuato l'area.

«La bomba - dice - è esattamente identica e ha la stessa tipologia di inneschi di quella che abbiamo gestito a febbraio scorso», quando ci fu un'operazione del tutto analoga per liberare la prima zona industriale dal ritrovato  bellico di 500 libbre, poco distante la Pilkington. La zona di evacuazione questa voltà è più contenuta, poiché, spiega il colonnello Dello Monaco, «utilizziamo per la prima volta un sistema che è stato testato dal centro di eccellenza Cantarelli di Roma e viene impiegata in questo contesto. Non è usuale trovare più bombe in un raggio così ristretto». Dall'inizio dell'anno, spiega il comandante dei guastatori paracadutisti, «sono state effettuati oltre 300 interventi di bonifica nonostante l'emergenza Covid, dal nostro reggimento, di cui 14 per bombe d'aereo simili a questa».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
 

Dall'ordigno verranno tolte le spolette con due chiavi a razzo da remoto, elettronicamente. Gli operatori controlleranno le operazioni a distanza, restando a bordo di un lince. Poi l'ordigno verrà trasportato in zona navale per essere fatto brillare, spiega il capo artificieri Bianco Carmine dei Guastatori Paracadutisti della Folgore. L'ANM 64 da 500 libbre rimarrà un involucro "sordo", quindi contenente l'esplosivo ma senza innesco e a quel punto verrà trasportato fuori da sito con i mezzi dell'esercito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
        

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento