rotate-mobile
Mestre Mestre Centro / Viale Stazione

Bomba Day a Mestre, rientra l'allarme, concluse le operazioni di disinnesco

Alle 8 è scattata l'evacuazione dei 684 residenti entro 250 metri dalla stazione ferroviaria. Gli ordigni sono ora stati messi in sicurezza e trasportati a Fusina, si ritorna a circolare nell'area

Di certo non si è trattato di un tranquillo risveglio domenicale per quei 684 residenti nel raggio di 250 metri dalla stazione di Mestre, dove, durante i lavori di costruzione del tunnel del tram, sono stati trovati due ordigni della Seconda guerra mondiale. Dalle ore 8 di questa mattina è scattato il"bomba day", le operazioni cioè di rimozione degli ordigni, che hanno imposto lo sgombero delle abitazioni. La maggior parte degli sfollati ha trovato asilo da amici e parenti, in pochi hanno optato per i due centri di accoglienza allestiti al centro civico di via Sernaglia 43 (una ventina di persone) e, a Marghera, alla scuola media Einaudi (cinque persone). 

I volontari della Protezione civile hanno suonato casa per casa, per essere certi che l'evacuazione fosse completata. Quattro sono state le lingue con le quali un'auto ha avvisato i cittadini, percorrendo le vie interessate dallo sgombero. Qualcuno ha opposto pure resistenza, non volendo abbandonare la propria casa. 

Sono stati oltre 200 gli operatori impegnati: forze dell'ordine, protezione civile, sanitari del Suem, vigili del fuoco, radioamatorl, capitaneria e magistrato delle acque.

Alle 9.30 sono state staccate le linee di telefonia mobile e il wi-fi di Venice Connected per favorire le comunicazioni all'interno del cantiere. E' inoltre scattato il blocco del transito viario nell'area interessata e della circolazione ferroviaria. Alle 10 sono entrati in azione gli artificieri.

Poco prima delle 11 si sono concluse le operazioni di disinnesco: le due bombe sono state messe in sicurezza e caricate su un camion, per essere poi trasportate a Fusina e da lì, con una chiatta, all'isola della Tressa, dove saranno fatte brillare.
Rientra l'allarme anche per i cittadini, che possono ora tornare alle proprie abitazioni e circolare liberamente.

Il Comune ha approntato una diretta twitter (hashtag #bombadaymestre) per informare in tempo reale i cittadini su tutte le fasi dell'operazione di sminamento, che dovrebbe concludersi verso le 12.30. Salvo imprevisti. Aggiornamenti anche sulla pagina Facebook di Ca' Farsetti e via sms (inviare un messaggino con testo "emergenza on" al 3424141041). In più è attivo anche un call center: 0412746800 (orari dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 18, domenica dalle 8 fino a fine operazioni).

CENTRI DI RICOVERO - Due i luoghi di accoglienza allestiti dal Comune: al centro civico di via Sernaglia 43 e, a Marghera, alla scuola media Einaudi (per cui ci sarà un servizio navetta da piazzale Giovannacci).

TRENI - Oltre alla polizia ferroviaria, che, assieme ai colleghi delle forze dell'ordine, dalle 8 di mattina fino alle 9.30 sgombereranno l'area interessata. L'ultimo treno che partirà dalla stazione sarà il regionale delle 9.31 diretto a Portogruaro per poi tornare alla normalità alle 12.30, salvo imprevisti (per tutte le informazioni Trenitalia attiverà dalle 8 di sabato alle 15 di domenica il numero verde gratuito 800892021). Poi il nulla. Non un convoglio raggiungerà il nodo di Mestre. Contemporaneamente nelle vie interessate verrà tagliata l'energia elettrica e verranno spente anche le celle telefoniche. Il segnale, quindi, potrebbe risultare difficoltoso. Necessario prima di lasciare le proprie abitazioni chiudere luce, acqua e gas.

TUTTI GLI ORARI DEI TRENI CAMBIATI

LE STRADE - Diciassette i punti di accesso viabilistico presidiati. Ecco le deviazioni e le chiusure: Pié cavalcavia – Rampa verso Marghera, chiusura; Rampa Commercio – Cavalcaferrovia, deviazione; Bivio via delle Macchine, deviazione; Via dell’Elettricità – via della Pila, deviazione; Via della Pila – via Fratelli Bandiera, chiusura (le auto verranno fatte passare dietro la Fincantieri in doppio senso di marcia); Via Rizzardi – Berchet, chiusura; Piazzale Giovannacci, deviazione; Carbonifera, chiusura; Via Trento direz. Via Piave, deviazione; Via Piave Via Sernaglia, chiusura; Via Dante, deviazione; Via Dante – Sernaglia, deviazione; Via Cappuccina – Fogazzaro direz. Via Sernaglia, deviazione; Bivio Rampa Cappuccina, chiusura; Rampa Vempa / Rampa Cavalcavia, deviazione; Via Cà Marcello (sottopasso), deviazione.

AUTOBUS - Numerosi i servizi deviati dalle 9.30 alle 11 fino a chiusura operazioni. Le linee interessate sono: 2, 7, 33H, 15, 6, 6 barrato, 10, 81F, Tram T1, linee extraurbane Padova-Dolo-Venezia; Sottomarina- Chioggia-Venezia. Tutte le informazioni su www. actv.it oppure HelloVenezia 041-2424.

TRAM - Al termine delle operazioni (le 13 circa) rientrerà in servizio anche il tram, dopo un'assenza iniziata il 2 ottobre scorso per un guasto a un giunto della linea aerea in zona piazza Barche. Dal momento in cui tornerà a calcare le strade mestrine fino al termine della giornata sarà gratuito.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bomba Day a Mestre, rientra l'allarme, concluse le operazioni di disinnesco

VeneziaToday è in caricamento