menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Trasformiamo il buco di Mestre": i cittadini ripensano l'ex Umberto I

Nasce il comitato "Mestre Second Life", per dare la scossa a una situazione di degrado e inerzia. Confesercenti: "Sì a una vasta area commerciale"

Certo, non è un bello spettacolo: un'area così vasta e centrale, quasi del tutto abbandonata a se stessa e senza un progetto concreto di riqualificazione sul piatto, non può che sollevare l'indignazione di tutti. Così alcuni mestrini hanno deciso di rimboccarsi le maniche e dare vita a "Mestre Second Life - compendio Umberto I": un comitato di cittadini che, seguendo altri esempi in Europa, intende partecipare, informare ed approfondire i temi dello "stato dannoso di inerzia dei proprietari di un’area che, da una volontà iniziale di nuovo sviluppo, è diventata fonte di effetti di disvalorizzazione economica, degrado, insicurezza e diminuzione dei diritti dei residenti e degli esercenti limitrofi".

L'intento del comitato, presentato venerdì, è di partecipare alla rigenerazione attraverso coinvolgimento, informazione, cooperazione e infine co-progettazione di quello che è considerato un bene comune. I componenti di direttivo, Maria Paola Orlandini, Alessandro Calzavara e Leandro De Rossi, spiegano: "Conviene prendersi cura dei luoghi in cui si vive, perché dalla qualità dei beni comuni materiali e immateriali dipende la qualità della tua vita". "È un’area di strategica importanza per la rigenerazione della città - ha dichiarato Maurizio Franceschi, direttore Confesercenti Venezia - Diventerà una delle porte di ingresso di Mestre, non può essere lasciata al degrado e all’insicurezza. Mi auguro che quell’area sia destinata ad una nuova offerta commerciale anche di grande superficie, perchè il centro città ha bisogno di un forte attrattore commerciale".

Ma a chi serve questo comitato? "Crediamo di essere utili anche all'amministrazione cittadina ed agli investitori coinvolti - dice il direttivo - Fornendo consigli, ipotesi di lavoro, coprendo insomma quegli spazi che difficilmente una pubblica amministrazione o un costruttore riescono a presidiare. Insomma, vorremmo aiutare a costruire una urbanistica 'vera', che superi quella di 'carta'".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento