MestreToday

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Posa della prima pietra degli alberghi in via Ca' Marcello: "Garantiti 450 posti di lavoro" VD

Lunedì anche il sindaco Brugnaro alla cerimonia: "Non ci sono solo gli addetti del cantiere, che durerà un paio d'anni, ma anche l'indotto. Mestre sta rialzando la testa, dopo anni in cui è stata raccontata male. Le strutture saranno importanti anche per il vicino campus di via Torino" (video dal profilo Twitter di Luigi Brugnaro)

 


Il progetto, approvato a fine gennaio dalla giunta, prevede quattro alberghi in cambio (per la cittadinanza) di un parcheggio multipiano da 266 posti auto, 80 posti moto e 11 per bus.

pietra brugnaro-3

Una piazza, quattro strutture alberghiere, due grandi parcheggi multipiano in grado di ospitare più di 500 auto: "è un intervento importante che cambierà ulteriormente, riqualificandola, la zona intorno alla stazione ferroviaria di Mestre, quello che è stato ufficialmente inaugurato lunedì mattina a Ca' Marcello - scrive il Comune di Venezia -.

 A dare il primo simbolico colpo di piccone al cantiere è stato il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, in compagnia, tra gli altri, del firmatario del progetto, l'architetto Luciano Parenti, dei dirigenti dei quattro grandi gruppi internazionali che sovvenzionano l'opera (“Leonardo Hotels”, “7 Days Plateno”, Wombat's Hotels”, “Stay City Aparthotel”), e di una nutrita rappresentanza della giunta comunale: il vicesindaco, Luciana Colle, gli assessori Francesca Da Villa, Massimiliano De Martin, Giorgio D'Este, Renato Boraso.

 “E' un progetto – ha sottolineato il sindaco – che ci piace molto, anzitutto perché è di qualità e coinvolge prestigiosi gruppi internazionali. Inoltre perchè non avrà solo una valenza economica in ambito ricettivo, creando centinaia di posti di lavoro, ma anche sociale, riqualificando ulteriormente un'area sinora dimenticata e degradata come questa, su cui ci stiamo impegnando molto. Speriamo che esso dia impulso ad altre iniziative di questo tipo, perché crediamo molto nella delocalizzazione di certe strutture, in ambito turistico, dal centro storico alla terraferma, con l'obiettivo di creare una migliore qualità di vita sia a Venezia che a Mestre.”

I lavori di realizzazione dureranno meno di due anni: l'obiettivo è che si concludano entro il 12 aprile 2019. Le quattro nuove strutture ospiteranno complessivamente 738 camere, per 1900 posti letto e saranno tra l'altro collegate direttamente alla stazione ferroviaria di Mestre. Una di esse sarà adibita ad ostello, per dare così una risposta anche ai tanti studenti della sede universitaria di via Torino, che sono alla ricerca di un alloggio.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento