rotate-mobile
Carpenedo Zelarino

Sporcizia, violenza e degrado, i cittadini: che ne sarà del parco Hayez?

Riuniti ieri attorno a un lenzuolo bianco con un punto di domanda, i frequentatori hanno manifestato contro la situazione di decadimento. Presidente Enzo si impegna ma "sarà dura"

Erano un centinaio i cittadini della Cipressina che ieri pomeriggio si sono ritrovati al parco Hayez per manifestare contro il forte degrado che da tempo lo sta colpendo. Riuniti attorno ad un lenzuolo bianco con un enorme punto di domanda al centro, hanno inteso sollevare l’attenzione pubblica circa la situazione di decadimento e scarsa manutenzione dell’intera struttura: i giochi per i bambini sono spariti, la rete di protezione è stata tagliata, le griglie per i barbecue sono state rese pubbliche, i rifiuti e la sporcizia continuano a moltiplicarsi.

Un punto di domanda, quindi, per sapere, innanzitutto, quale sarà il destino di un parco, che, da sempre frequentato da molti cittadini extracomunitari, era ormai divenuto luogo di incontro tra civiltà diverse, di scambio interculturale e sede privilegiata di feste organizzate coralmente. Il presidente dell’Associazione sette nani, Loris Trevisiol, denuncia l’incertezza circa le sorti del parco e l’impossibilità di rendere frequentabile dai cittadini il sito.

Il grido di protesta si estende poi anche alle problematiche in materia di sicurezza, dato che alcune testimonianze dirette dei frequentatori riportano scene di violenza e mancanza di civiltà. La risposta alla manifestazione arriva dal presidente della municipalità di Chirignago Zelarino, Maurizio Enzo, il quale promette di sollecitare la giunta affinché si riesca a recuperare i soldi necessari a risollevare lo stato del parco, anche se, avverte, sarà dura.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sporcizia, violenza e degrado, i cittadini: che ne sarà del parco Hayez?

VeneziaToday è in caricamento