menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mestre, mega albergo da 220 stanze accanto all'ingresso della stazione

Il progetto c'è già da anni. Ora è arrivato il timbro del Comune, che doveva calcolare plusvalenze e ulteriori oneri a carico dei privati. Un investimento da 27 milioni di euro

Un mega albergo al posto dell'ex palazzo delle Poste adiacente all'ingresso della stazione ferroviaria di Mestre. Il progetto c'è già da anni, ora però l'immobiliare Favretti, come riporta Il Gazzettino, potrà partire veramente: 27 milioni di euro per un hotel da 220 stanze. In una posizione logistica invidiabile. A letteralmente una decina di metri dai binari della stazione.

Se le carte ci sono da tempo, già dalla giunta Cacciari, ciò che mancava era il timbro di Ca' Farsetti. I tecnici comunali, infatti, hanno dovuto calcolare la plusvalenza che porta in dote un'operazione del genere. L'immobiliare Favretti acquistò l'ex palazzo delle Poste (ora sede del bici park) per cinque milioni di euro. In più serviva capire quanto onerosa sarebbe stato il cambio di destinazione d'uso dell'immobile. L'albergatore interessato a investire i 27 milioni di euro ci sarebbe già.

I privati, sempre secondo quanto riporta il quotidiano locale, dovrebbero "regalare" il piano terra al Comune e impegnarsi anche ad ammoddernare il tratto che parte dall'ex edificio delle Poste e arriva fino alla stazione del tram di via Cappuccina. Il tutto all'interno di un progetto generale di riqualificazione dello scalo ferroviario in base a un protocollo d'intesa firmato dall'allora sindaco Massimo Cacciari con le Ferrovie dello Stato, che si impegnavano a spendere mezzo miliardo di euro per ristrutturare la stazione. I binari per l'alta velocità sono arrivati. Il prossimo passo dovrebbe essere il restyling della facciata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento