Centro Mestre Centro

Latitante da 3 anni, sorpreso in un bar nel centro di Mestre: in arresto per spaccio

Era stato condannato nel 2014. La sua zona di competenza era quella di via Miranese. È stato stanato mentre si trovava in centro città, poi condotto in carcere

Era stato condannato a scontare la pena in carcere, ma aveva ben pensato di darsi alla macchia, allontanandosi dal suolo italiano. Dopo 3 anni, però, ha fatto l'errore di tornare all'interno dei confini nazionali, nel territorio di Mestre, dove è stato incastrato dalle forze dell'ordine. A finire in manette M.L., 36enne di origini tunisine, condannato nel 2014 a seguito dell'operazione di polizia "Forte Campasso", nella quale era stato identificato come pusher attivo prevalentemente nella zona di via Miranese.

Dopo essersi "accasato" oltre confine, prima in Belgio e poi in Francia, il 36enne, evidentemente, aveva cominciato a sentire la nostalgia. Pensando di farla franca, quindi, è ritornato a Mestre, finendo ben presto nella rete degli agenti di polizia. Nel pomeriggio di lunedì, infatti, i poliziotti impegnati nel servizio di controllo del territorio disposto dal questore Angelo Sanna, l'hanno identificato in un bar del centro. Inevitabili, quindi, le manette, prima di essere condotto nel carcere di Santa Maria Maggiore a Venezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latitante da 3 anni, sorpreso in un bar nel centro di Mestre: in arresto per spaccio
VeneziaToday è in caricamento