menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Minaccia l'ex di 20 anni più grande con un sasso: stalker in arresto

Sul 20enne incombeva l'ammonimento a non avvicinarsi alla ex fidanzata 40enne. Mercoledì è stato fermato nelle vicinanze di viale San Marco a Mestre

Non dà pace alla ex fidanzata, ora per lui sono scattate le manette. Una brutta storia di persecuzione, quella andata in scena a Mestre, che ha avuto il suo epilogo mercoledì con l'arresto di un giovane di 20 anni da parte dei carabinieri del nucleo operativo radiomobile della compagnia locale.

L'allarme è scattato in mattinata, intorno alle 10: a chiedere l'intervento delle forze dell'ordine è stato il padre della donna, residente insieme alla figlia (di 40 anni) in un'abitazione poco distante dal centro, nei dintorni di viale San Marco. Al 112 ha comunicato che sotto casa si trovava in quel momento l'ex fidanzato della figlia, tutt'altro che intenzionato a lasciare in pace la vittima delle sue vessazioni: il giovane aveva suonato insistentemente al campanello, poi, non ricevendo risposta, si era introdotto in giardino e aveva spalancato la finestra della cucina al pian terreno, cominciando a importunare la donna. Non solo: a un certo punto il ragazzo, che evidentemente aveva perso la testa, ha iniziato a minacciare la 40enne brandendo un sasso raccolto in giardino.

Sull'uomo gravava un ammonimento a non avvicinarsi alla ex, stabilito in precedenza a causa di presunti episodi di stalking di cui era stato ritenuto responsabile in passato. Era da più di un anno che la donna tentava di liberarsi dal pesante "fardello" del giovane, lasciato proprio per il suo atteggiamento estremamente possessivo e violento. Tanto che era già stato arrestato la scorsa estate per lo stesso reato, commesso in circostanze simili.

I militari giunti in poco tempo sul posto lo hanno trovato ancora là, evidentemente inottemperante alle prescrizioni a cui avrebbe dovuto sottostare: lui alla vista delle divise ha cercato di fuggire, venendo subito bloccato dai militari. Perquisito, è stato anche trovato in possesso di alcuni grammi di hashish. Dopodiché è stato condotto in caserma a Mestre, e al termine della procedura è stato dichiarato in stato di arresto per atti persecutori e minaccia, con conseguente sottoposizione a misura cautelare a disposizione dell’autorità giudiziaria. Nella speranza che la donna possa trascorrere la propria vita più serenamente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento