menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parla il figlio di Cecilia: "Sconvolto, uno dei rapinatori abitava di fronte"

La reazione alla notizia degli arresti. Conseguenze dell'aggressione non solo fisiche, ma anche nel quotidiano: lì non è più tornata, ha cambiato casa

Eccole, le "bestie". Le indagini hanno dato un volto e un nome alle persone accusate di aver aggredito la signora Cecilia nella sua abitazione di Mestre in marzo, picchiandola selvaggiamente per un furto da poche decine di euro. E il particolare impressionante è che uno dei due abita a pochi metri dall'anziana, proprio nel palazzo di fronte al suo: talmente vicino che potrebbe persino avere una faccia conosciuta. "Siamo sconvolti - commenta Moreno, figlio della vittima - È incredibile, mia mamma era stimata e benvoluta da tutti nei dintorni, non potevamo immaginare nulla del genere".

"ORA RESTI IN GALERA": LA RABBIA DELLA SIGNORA CECILIA

Il mestrino arrestato mercoledì, per la verità, non sarebbe l'autore materiale delle violenze: o meglio, finora le indagini non hanno potuto dimostrare la sua presenza sul luogo del misfatto, motivo per cui è stato accusato di essere il mandante della rapina, e quindi responsabile degli stessi reati contestati al complice. Fatto sta che la notizia per la famiglia della signora Cecilia è arrivata come un fulmine a ciel sereno: "Mia madre mi ha chiamato stamattina (mercoledì, n.d.r.), dicendomi che era stata contattata dai carabinieri, che le avevano spiegato il risultato ottenuto - continua il figlio Moreno -. Mi sono precipitato a casa sua, oltretutto alle 10 aveva una visita in ospedale, sempre per le conseguenze dell'aggressione".

D'altra parte è chiaro che dalla sua posizione "privilegiata" il delinquente abbia avuto modo di studiare con tutta calma le abitudini della vittima designata, per dare poi il via libera all'azione del complice. E a un'aggressione di violenza inaudita che è stata causa, oltre che delle ferite, di uno shock devastante per l'anziana: "Mia madre in quell'appartamento non ha mai più voluto tornarci, nonostante ci abitasse da 60 anni - prosegue Moreno - Nemmeno per prendersi le sue cose. Le abbiamo trovato una nuova casa a Salzano, vicino alle abitazioni di altri nostri familiari". A mali estremi, estremi rimedi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento