menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La scena del delitto

La scena del delitto

Omicidio a Mestre in viale Vespucci, anziana massacrata a coltellate

Lida Pamio, 87 anni, nel pomeriggio di giovedì è stata trovata riversa sul pavimento della cucina del suo appartamento. E' stata colpita da due fendenti: uno alla gola e uno all'addome

E' stata trovata senza vita. Uccisa a coltellate. Più di una, di sicuro due. Una alla gola e una all'addome. Forse una rapina finita male, forse tutta una messinscena. Il succo non cambia: Lida Pamio, 87 anni, è stata uccisa giovedì pomeriggio nel suo appartamento di Mestre in viale Vespucci, dove viveva da sola dopo la morte del figlio in un incidente stradale e del marito, deceduto pochi anni dopo il figlio. Una donna forte, che ha avuto la vita contro.

Una donna che si è trovata a tu per tu con l'assassino in cucina, dove è stata trovata dalla polizia riversa sul pavimento in un lago di sangue dopo che un nipote della vittima aveva lanciato l'allarme. Nemmeno il tempo di attivare il suo "Salvalavita Beghelli", che aveva al collo. Anzi, dai segni riportati parrebbe che l'omicida abbia dapprima cercato di soffocare la vittima. Sul posto agenti della Digos, della polizia scientifica, delle squadra mobile e del commissariato di Mestre. Sono stati portati in questura e interrogati alcuni vicini di casa e alcuni parenti della vittima. Il mistero è costituito dal fatto anche che non sarebbero stati riscontrati segni di effrazione. Anzi, per entrare nell'appartamento i soccorritori hanno sfondato la porta.

Rapina finita in tragedia o messinscena? L'abitazione è stata trovata a soqquadro. La scientifica ha isolato una traccia che potrebbe sembrare di sangue all'ingresso del palazzo al civico 13 del delitto. Proprio di fronte alla porta d'ingresso. "La conoscevo abbastanza bene - spiega Ione, titolare di un affittacamere vicino - qualche volta andavo anche a trovarla". Anziana come la vittima, sull'ottantina. Stessa generazione, argomenti simili di cui discutere: "Era molto triste per la tragedia che le era capitata. Pensava spesso al figlio perso", spiega. Poi la morte del marito, a qualche anno da quella del figlio. Due lutti ravvicinati. "I ladri sono entrati in casa mia un paio di volte. Avevo paura, ora ne ho di più".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento