Centro Mestre Centro / Via Cappuccina

Rapina in un bar di via Cappuccina: semina terrore con un coltello, preso

Poco prima della 24 di ieri un 26enne dominicano è entrato nel locale "Dolce e Amaro" minacciando i clienti con un'arma da taglio. E' stato bloccato mentre si nascondeva in un campo

Il giovane arrestato

Poco prima della mezzanotte è entrato nel bar "Dolce e Amaro" in via Cappuccina a Mestre e ha seminato il terrore per alcuni interminabili minuti. Yosi Esteban Rodriguez De La Cruz, 26enne di origine dominicana, ha tirato fuori un coltello a serramanico con una lama lunga 15 centimetri e ha minacciato titolari e clienti. Dopodiché si è impossessato di un sacchetto in cellophane pieno di monetine, per un valore di 400 euro.

La sua azione è durata pochi minuti, ma sono stati sufficienti agli agenti delle Volanti per recarsi sul luogo della rapina. L'allarme lanciato da un cittadino, infatti, ha raggiunto una pattuglia che si trovava proprio nelle vicinanze in servizio di controllo del territorio.


Le forze dell'ordine sono quindi riuscite a individuare il malvivente mentre si era messo in fuga e si era tentato di nascondere in un campo. Un tentativo disperato per sfuggire all'arresto, ma vano: i poliziotti, infatti, l'hanno bloccato e ammanettato, nonostante l'estrema difesa del giovane con il suo coltello. E' stata recuperata anche la refurtiva, che era nascosta poco lontano. L'arma da taglio, invece, ora si trova sotto sequestro. De La Cruz è stato poi trasferito nel carcere di Santa Maria Maggiore, dovrà rispondere di rapina aggravata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in un bar di via Cappuccina: semina terrore con un coltello, preso

VeneziaToday è in caricamento