rotate-mobile
Centro Mestre Centro / Via Circonvallazione

Costruttori delle torri di Mestre in crisi, Orsoni: "Lì non rimarrà un buco"

La Costruzioni Pasqualini srl, che detiene poco meno della metà dei terreni di sei ettari in via Circonvallazione, rischia il fallimento. Il sindaco: "Dovranno dirci cosa intendono fare"

Il futuro dell'area dell'ex Umberto I a Mestre si fa fosco. Parte della cordata di imprenditori che aveva aquistato l'area per 50 milioni di euro, infatti, si trova in grosse difficoltà finanziarie. Il 3 febbraio scorso  la Costruzioni Pasqualini srl, che detiene quasi la metà dei terreni, ha ottenuto il via libera per presentare al tribunale di Rovereto la proposta di concordato preventivo. Il passo immediatamente precedente al fallimento. Con questa procedura si cerca di trovare un accordo con i creditori per ripianare una parte dei debiti. I loro conti sono in rosso da due anni consecutivi, i debiti ingenti. Un brusco stop per il progetto delle torri avveniristiche con uffici, appartamenti e parcheggi sotterranei in centro a Mestre, in via Circonvallazione. E la paura che lì non si faccia nulla cresce.


"Non ci sarà nessun buco - commenta il sindaco Giorgio Orsoni - La difficoltà economica di una parte degli investitori ci era già nota da tempo. Per noi cambia poco: entro il termine ultimo fissato per metà marzo dovranno comunque saperci dire quali sono le loro prospettive di sviluppo. In quell’occasione – ha aggiunto il primo cittadino - ci diranno se sono in grado di portare avanti il progetto originario, e come. La proprietà, in caso contrario, si è impegnata a fare comunque dell’altro, che concorderemo insieme. È chiaro che non tollereremo né la persistenza di un “buco” né la costruzione di torri che alla fine resteranno vuote”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costruttori delle torri di Mestre in crisi, Orsoni: "Lì non rimarrà un buco"

VeneziaToday è in caricamento