menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Via Verdi a Mestre

Via Verdi a Mestre

Mestre: picchiato da una gang di giovani in via Verdi, 64enne in coma

Domenica notte l'uomo stava tornando a casa in auto quando si è trovato la via ostruita da un gruppo di circa sei italiani. A seguire il pestaggio. Stamattina il ricovero per emorragia cerebrale

Preso a pugni fino a essere ridotto in coma. Senza motivo, se non per l'ingiustificabile realtà di violenza in cui alcuni giovani vivono. Domenica notte in zona via Verdi un 64enne mestrino è stato picchiato a sangue da un gruppo di giovani italiani che occupavano la sede stradale. L'uomo, al volante della sua auto con a fianco una sorella, di ritorno dalla Mostra del Cinema del Lido, si è trovato la carreggiata ostruita dal gruppo. Si tratterebbe di un gruppo di minimo sei giovani sui 25 anni. Suona il clacson, per sciogliere l'assembramento. Per tutta risposta, però, il gruppetto inizia a danneggiare la carrozzeria dell'auto, graffiandola e prendendola a calci.

Il 64enne quindi abbassa il finestrino per cercare di placare gli animi. Per tutta risposta riceve un uno-due micidiale in pieno volto. Un paio di pugni che inducono il malcapitato a pigiare il piede sull'acceleratore e fuggire in direzione del cancello del condominio nel quale vive. A poca distanza dal luogo dell'aggressione.

Proprio lì, nel giardino condominiale, avviene il "secondo round": il gruppo di giovani si piazza davanti alla fotocellula del cancello con una Renault Mégane, in modo da  potersi introdurre agevolmente nella proprietà privata. A quel punto il 64enne, che aveva parcheggiato il veicolo e salutato la sorella, corsa a mettersi in salvo nella propria automobile parcheggiata poco distante, in strada, viene preso di nuovo di mira. Il gruppo si sarebbe avvicinato di nuovo al proprio obiettivo e uno di loro avrebbe continuato il pestaggio. Pugni e ancora pugni, fino a rompere gli occhiali da vista dell'aggredito.

Nel giardino condominiale si sarebbero introdotti in quattro, compreso il picchiatore. Gli altri amici sarebbero rimasti a fare da "palo" a bordo della Renault Mégane.

Poi la fuga, a bordo con ogni probabilità di un paio d'auto. Il malcapitato subito dopo l'aggressione si è recato al pronto soccorso di Mestre, dove gli sono stati diagnosticati dei chiari ematomi al volto dovuti alle percosse. Verso le 5 di questa mattina, dopo alcuni giorni di mal di testa, il collasso. L'uomo, che nel frattempo era tornato a casa, è stato ricoverato d'urgenza all'Angelo per un'emorragia cerebrale. Ha subito un'operazione di diverse ore, rimanendo poi in coma farmacologico e in prognosi riservata. Il cerchio degli inquirenti, però, si starebbe stringendo attorno agli aggressori, i quali sarebbero stati identificati.

 

Quanto accaduto avviene a una decina di giorni circa da un altro pestaggio in centro a Mestre a opera di giovani italiani. Più o meno nella stessa zona. Gli agenti del commissariato di Mestre stanno tentando di stabilire se i due episodi possano essere ricondotti agli stessi protagonisti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento