menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Problemi d'igiene e di sicurezza sul lavoro: chiuso l'Asia African Market

Venerdì mattina i carabinieri hanno sequestrato l'esercizio di via Monte San Michele a Mestre, nel mirino anche per questioni di ordine pubblico

Risse, spaccio e degrado. In quella zona di via Monte San Michele le forze dell'ordine sono intervenute più e più volte, fino all'ultimo blitz di venerdì mattina. Stavolta nel mirino sono finiti permessi e rispetto delle norme del commercio per l'"Asia African Market", l'esercizio commerciale etnico finito nel mirino di residenti e commercianti della zona di via Piave e della stazione per la sua clientela "poco educata". Ora è stato temporaneamente chiuso.

Nei giorni scorsi una rissa è stata immortalata da un residente, esasperato per i continui disordini causati da alcuni cittadini il più delle volte nordafricani già ubriachi di prima mattina. Altra piaga è lo spaccio: due i pusher che i carabinieri hanno arrestato di recente, mentre cercavano disperatamente di nascondersi dietro a dei cassonetti. Dunque venerdì i militari dell'Arma della compagnia di Mestre si sono presentati nell'esercizio commerciale in compagnia dei colleghi del Nas di Treviso e dell'Ispettorato del Lavoro di Mestre. Passati al setaccio il possibile impiego di manodopera irregolare e i requisiti igienico sanitari e di sicurezza. A essere bocciato durante gli accertamenti è stato proprio l'"Asia African Market", che è stato temporaneamente chiuso. Mancavano infatti i requisiti sanitari minimi, di sicurezza e di agibilità dei locali.

In più i dipendenti non erano dotati di alcun dispositivo individuale di protezione sui luoghi di lavoro. I locali, poi, presentavano secondo le forze dell'ordine alcune zone franche dove la merce veniva stoccata "senza i basilari requisiti di igiene e sicurezza, rappresentando per tali motivi un grave pericolo per l’incolumità fisica degli stessi dipendenti, nonché dei clienti del supermarket", sottolineano le forze dell'ordine. Per esempio gli scaffali avrebbero ostruito le possibili vie di fuga, mentre carne e pesce sarebbero stati stoccati negli stessi posti. In più l'impianto di condizionamento sarebbe risultato non funzionante e secondo chi è intervenuto sarebbe stata riscontrata sporcizia sui piani di lavoro. Al termine degli accertamenti il supermarket è stato sottoposto a sequestro preventivo, oltre che diversa merce. Multa salata, naturalmente, per il titolare.

LA RISSA DEI GIORNI SCORSI

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento