rotate-mobile
Martedì, 21 Marzo 2023
Mestre Mestre

Uno furto tentato con spaccata e un altro messo a segno: colpi inarrestabili

I fatti all'inizio della settimana, ora il cerchio si è stretto attorno ai responsabili. Amarezza e disagio fra i commercianti: «Continuare così non vale la pena»

Erano le 3.50 di martedì. Tutto è stato registrato nel video della telecamera del negozio. Nelle immagini si vedono due uomini incappucciati fare avanti e indietro davanti al centro di ricostruzione unghie "Nails", di Daiane Trabujo in via Brenta Vecchia. Fino a quando uno si ferma, mentre l'altro resta fermo in bicicletta, e fa due fori sul vetro della porta d'ingresso. Poi lo colpisce, si infrange ma non si apre, allora prova a forzare la serratura, ma quella non cede. Alla fine i due abbandonano e se ne vanno. Non hanno potuto prendere niente ma hanno fatto un mucchio di danni. Il fatto risale all'inizio della settimana, nei giorni successivi sembra che le forze dell'ordine abbiano individuato i responsabili. 

E non è la prima volta, racconta la giovane titolare. Neanche sei mesi fa i malviventi, calandosi da una finestra del negozio, erano riusciti a portarle via materiali per 4 mila euro. «E io penso che continuare in queste condizioni non valga la pena», afferma dispiaciuta. «Sono stata dipendente fino al 2021, poi ho investito i risparmi e ci ho creduto. Ero entusiasta e motivata per essere riuscita ad aprirmi una cosa mia, ed eravamo ancora in pieno Covid - si lascia andare a uno sfogo - Adesso dovrò prendere una decisione, o chiudere tutto o prendere in affitto una cabina all'interno del negozio di qualcun altro. Il decoro di questa città ha perso completamente punti e non lo merita».

Un altro colpo, sempre martedì verso le 4 lo ha subito il negozio di tatuaggi "Cyber Tattoo" in Calle del Sale. «Ad avvisare è stata un'inquilina perché sentiva rumore. Quando siamo arrivati abbiamo trovato la porta forzata, il fondo cassa di 50 euro rubato assieme a un telefono. Adesso sto chiamando le ditte e devo perdere tempo per far riparare la porta invece di lavorare». Intanto è uscito il bando comunale per i contributi alle attività che hanno subito danni materiali derivanti da atti vandalici, come aveva anticipato il sindaco Luigi Brugnaro. «A Venezia la Polizia locale e le Forze dell'ordine stanno lavorando giorno e notte per arginare questa ondata di furti e spaccate alle vetrine - ha commentato  - Ho pensato fosse comunque giusto dare un segnale e riconoscere ai cittadini lesi il risarcimento di una parte dei danni subiti». La domanda nell'apposito modulo si può presentare fino al 24 aprile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uno furto tentato con spaccata e un altro messo a segno: colpi inarrestabili

VeneziaToday è in caricamento