Mestre Mestre

Rio Cimetto, il progetto non verrà cambiato. Martini: «Inascoltato il territorio»

Associazioni e comitati hanno presentato una viabilità alternativa per lasciare il più possibile intatta l'area naturalistica. Per il Comune non è percorribile, metterebbe in discussione i lavori eseguiti finora dalla Regione

Opere di mitigazione per il Rio Cimetto e i meandri, ma il progetto non verrà rivisto, spiega il consigliere comunale Giovanni Andrea Martini di "Tutta la città insieme!" a valle della commissione che ha trattato ieri l'argomento. Con Gianfranco Bettin (consigliere Verde Progressista) ed Emanuela Zanatta (consigliera del Pd) e, per la Municipalità, con Michele Boato e Renzo Rivis, il gruppo nei mesi scorsi aveva presentato una proposta di viabilità alternativa e un'interrogazione sulla "salvaguardia dell’area e dei meandri del Rio Cimetto”. «Il Comune - scrive Martini - non rivede il progetto. Inascoltato il territorio che chiedeva di riprogettare il tracciato».

È stato presentato il “Progetto viario regionale, raccordo Brendole-Castellana (Sfmr)" e a quel punto è seguita la trattazione dell'interrogazione sul “tracciato viario Brendole-Castellana e la salvaguardia dell’area”, che risale a marzo scorso. «Siamo riusciti dopo mesi a trattare l'argomento – afferma Martini – ma quello che è emerso dalla commissione è che purtroppo non c'è la volontà di mettere in atto la soluzione proposta per l'area. Sappiamo che il progetto originario risale al 2001 e che fino a pochi anni fa era in capo alla Regione. Se si riconsce che si è sbagliato, allora perché non si corregge il tiro?». Associazioni e comitati locali avevano elaborato un percorso alternativo che prevedeva di passare per l'attuale strada di servizio Cav, lasciando il più possibile intatta l'area naturalistica. «Per il Comune l'alternativa non è percorribile e metterebbe in discussione tutti i lavori eseguiti finora dalla Regione Veneto», scrive Martini.

«Dire che a fare e disfare si buttano via soldi pubblici è troppo facile. Il punto è - continua Martini - che se si è fatto male, bisogna rifare meglio, a costo di buttare quanto non va bene». I comitati, commenta Martini, hanno presentato osservazioni al Piano degli interventi nel 2017. «Non sono state prese in considerazione dal Comune». L'idea era quella di ridurre la sezione della strada e recuperare quei metri per piantare un doppio filare di alberi o una siepe, e di allontanare il tracciato il più possibile dai meandri del Rio Cimetto portandolo in sù, verso la tangenziale, togliendo la rotatoria prevista. «Di fatto - conclude Martini - si mantiene il tracciato. In tutto questo le voci del territorio rimangono inascoltate, ponendo un problema serio di partecipazione alla vita democratica».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rio Cimetto, il progetto non verrà cambiato. Martini: «Inascoltato il territorio»

VeneziaToday è in caricamento