MestreToday

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Congresso internazionale di oculistica: la sala operatoria mai così vicina VIDEO

Venerdì e sabato quattrocento medici al Rama, quaranta interventi in video-diretta per l’evento intitolato “What’s New 2018”.

 

Venerdì e sabato il Rama di Mestre ha aperto le porte del suo Auditorium, ma anche diverse altre aule di studio ai lavori di un congresso oculistico di livello internazionale, presieduto dal primario dell’Angelo, Emilio Rapizzi, insieme al dottor Marzio Chizzolini di Camposampiero e al dottor Giorgio Beltrame di Pordenone, organizzato con la collaborazione degli specialisti e delle unità operative oculistiche dell’Ulss 3 Serenissima.

I temi

L’evento, intitolato “What’s New 2018”, concentra relazioni di altissimo livello, tavole rotonde, corsi specifici di formazione e di pratica, video dimostrazioni. «Abbiamo inteso organizzare qui a Mestre – spiega il dottor Rapizzi – un’occasione per aggiornare lo stato delle conoscenze su vari ambiti della scienza oculistica, dal trattamento del glaucoma a quello sui difetti refrattivi nel bambino, dalla gestione delle infezioni della cornea alla chirurgia vitroretinica, corneale e maculare. Abbiamo messo al centro del nostro lavoro la lectio magistralis del dottor Antonio Jr Capone, che dagli Stati Uniti è venuto a ragionare insieme a noi su quanto c’è di nuovo nel trattamento della patologie vitreo retiniche del bambino, tema su cui è una vera e propria autorità».

La memoria

«L’Oculistica dell’Ulss 3 Serenissima – commenta il direttore generale Giuseppe Dal Ben – ha radunato in questa occasione più di 400 oculisti che giungono da ogni parte d’Italia. Significativo che l’incontro abbia sede nella struttura che porta il nome del Professor Rama, riferimento indiscusso nel vasto campo dell’Oculistica, sulla cui strada continuano a lavorare, con impegno e dedizione, e con importanti risultati, i nostri specialisti della cura dell’occhio».

L'evento

I partecipanti assistono ad una quarantina di interventi operatori eseguiti a scopo didattico e di verifica comune, in collegamento con le sale operatorie di Oculistica del vicino Ospedale dell’Angelo: queste “Live Surgery” sono eseguite e commentate in diretta da un moderatore presente all’intervento, con il quale convegnisti riuniti al Rama possono interloquire nel corso dell’operazione.Nell’articolato programma dei lavori del congresso sono previsti anche l’analisi di casi clinici complessi, la presentazione di processi e tecnologie innovative di settore, e corsi di formazione sui percorsi diagnostici e terapeutici.  

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento