menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio in via Piave, la stretta delle forze dell'ordine: 9 arresti e 26 denunce

Nell'ultimo trimestre del 2020 sono stati intensificati i controlli nel quartiere critico

Nove arresti, 26 denunce di cui 17 per detenzione ai fini di spaccio, 30 sanzioni. E' il bilancio dei controlli effettuati dagli agenti del Commissariato di Mestre, dai carabinieri e dalla polizia locale nell'ultimo trimestre del 2020 nel quartiere Piave. 

Sono state complessivamente identificate 1113 persone di cui 386 extracomunitari; due stranieri sono stati espulsi e 4 persone sono state colpite da ordini di allontanamento. Nell’ultimo trimestre sono stati controllati 8.590 automezzi e, nell’ambito dei 68 posti di controllo effettuati, sono state elevate 25 multe per violazioni del codice della strada. Nell’ambito dei controlli, sono stati anche controllati 35 esercizi pubblici. Sono stati sequestrati 118,34 grammi di cannabinoidi, 190,4 grammi di eroina, 124,65 grammi di cocaina e 1,66 grammi di droghe sintetiche. 

Diminuiti i reati denunciati

Ultimo dato degno di menzione è quello relativo all’andamento dei reati avvenuti su tutto il territorio di Mestre che sono stati denunciati a tutte le forze di polizia. Nell’ultimo trimestre del 2020 (rispetto allo stesso trimestre del 2019) si evidenzia una diminuzione delle percentuali. Andando ad analizzare, in particolare, i furti, si è registrato un decremento complessivo del 15%. Nell’ambito dei furti, i borseggi sono diminuiti del 42%, i furti in abitazione del 40% e quelli negli esercizi commerciali del 6%.

Nella giornata di ieri, nell’ambito dei controlli, i poliziotti del commissariato di Mestre hanno arrestato un 32enne, nei cui confronti pendeva un ordine di carcerazione emesso a seguito di numerosi precedenti che aveva per maltrattamenti in famiglia, resistenza a pubblico ufficiale e reati contro il patrimonio. In particolare, l’uomo era già noto agli agenti per essersi intrufolato, nel 2016, negli spogliatoi della Polisportiva Bissuola dove aveva tentato di mettere a segno un furto. E' stato portato in carcere per scontare la pena di 4 anni e 6 mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento