MestreToday

Azioni per rendere il parco di villa Querini più vivibile: ubriachi allontanati con daspo

Intervento della polizia locale di Mestre. Il Comune annuncia una maggiore vigilanza sull'area

Al parco di villa Querini la polizia locale di Mestre ha eseguito dei pattugliamenti nella giornata di ieri (e altri ne seguiranno, è la promessa) per arginare la presenza di sbandati che gravitano nella zona. Verso le 17.30 tre radiomobili sono entrate nell’area verde e hanno sorpreso diverse persone che, sedute sulle due panchine più lontane dall'area giochi, stavano consumando superalcolici. Cinque di loro, in stato di ubriachezza manifesta, sono state multate e colpite da ordine di allontanamento dal parco: sono di nazionalità romena, moldava e polacca, tra i 32 e i 47 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allontanamenti

Uno di loro, trentaduenne romeno è già stato sanzionato dodici volte quest'anno: otto volte perché colto in stato di ubriachezza, tre per atti contrari alla pubblica decenza e in un’altra occasione perché bivaccava in un parco pubblico. In caso di violazione dell'ordine di allontanamento o di reiterazione di comportamenti tali da rendere necessaria l'impartizione di nuovi ordini – rende noto il Comando della polizia locale - l’uomo sarà segnalato per l'emissione di un divieto di accesso al centro di Mestre. Al termine della redazione degli atti, tutti loro sono stati accompagnati fuori dal parco. L'area, che è stata rimessa a nuovo da poco ed attrezzata con giostrine, sarà oggetto di particolare vigilanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Tutte le Municipalità al centrodestra tranne Venezia: chi sono i nuovi presidenti

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento