menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da sei anni vuole comprare la casa, ma la burocrazia la blocca sempre

Una signora di Favaro dal 2008 chiede di poter diventare proprietaria dell'appartamento in cui abita. Comune e Regione si rimpallano gli oneri

Vorrebbe diventare proprietaria dell'appartamento in cui abita dal 1999, ma per ora non ha ricevuto alcun via libera dal Comune. Da sei anni. Un "limbo" molto lungo per M.B., una signora residente nel condominio "Smeraldo" in via Leonino Da Zara a Favaro Veneto. Una delibera comunale nell'aprile 2008, ma non ancora attuata a distanza di sei anni, aveva dato il via libera a un piano di alienazioni di alloggi di edilizia residenziale pubblica tra Mestre, Chirignago, Zelarino e, appunto, Favaro. Poi il nulla. Per sei lunghi anni. Al punto che la donna, conservando in maniera certosina tutte le richiesta d'acquisto mai protocollate, ha deciso di rivolgersi ad Adico, associazione a difesa dei consumatori, nel tentativo di sollecitare Ca' Farsetti. Secondo la donna molte famiglie sarebbero nella sua stessa situazione.

"Inutili le continue lettere al Comune - dichiara Adico - si parla di decine e decine di richieste d’acquisto. Lei vorrebbe diventare proprietaria dell’appartamento nel quale risiede ormai dal ’99, ma nonostante la delibera del 2008 avesse previsto l’alienazione dell’alloggio per recuperare fondi per sistemare altre case da assegnare agli aventi diritto (valore complessivo previsto per l’operazione 5 milioni di euro), tutto è ancora fermo. Nemmeno è mai arrivato il nulla osta della Regione, perchè il “Comune non l’ha mai richiesto”".

In questi giorni, dunque, l'associazione sta cercando di muovere le acque: "L’ultimo atto della vicenda risale all’inizio di luglio, con la risposta della Direzione Patrimonio e Casa del Comune che in sostanza rimpalla nuovamente la responsabilità alla Regione, alludendo questa volta all’esistenza di “un piano alienazione alloggi preesistente già autorizzato dalla Regione” e che avrebbe dunque impedito il procedere dell’ordinanza comunale - spiega Adico - Nella stessa lettera si fa comunque riferimento al fatto che un nuovo provvedimento di ricognizione degli alloggi Erp da alienare sarebbe attualmente in fase di itinere, ma 'le tempistiche non possono essere determinate ad oggi in considerazione del fatto che dovranno essere valutate in regime Commissariale le priorità per cui gli uffici dovranno operare'”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento