menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dimesso dall'ospedale, trovato morto un'ora dopo nel piazzale

Daniele Rizzardini, 66enne, era stato soccorso sabato sera dopo una caduta. A mezzanotte è stato dimesso e un'ora e mezza dopo è stato trovato senza vita alla fermata del bus

Nel tardo pomeriggio è caduto e ha battuto la testa, forse per colpa di un malore. Un’ambulanza lo ha soccorso e lo ha trasportato all’ospedale, dove è stato sottoposto ad accertamenti. Qualche ora più tardi è stato dimesso. Un’ora e mezza dopo aver lasciato la struttura Daniele Rizzardini, 66enne di Marghera, è stato trovato morto. Un vigilante della Civis ha notato il corpo nel piazzale antistante il pronto soccorso dell’ospedale Dell’Angelo di Mestre.

La vicenda risale a domenica notte. Era circa l’una e mezza quando la guardia giurata si è accorta delle presenza del corpo del 66enne all’altezza della fermata dell’autobus. Si è avvicinato e ha chiamato i soccorritori del Suem, ma non c’era già più niente da fare. Sul posto è stata chiamata anche la polizia per i rilievi del caso. Sul corpo di Rizzardini non c’era alcun segno di violenza, perciò è stata esclusa fin da subito l’ipotesi di un’aggressione. Ciò che è emerso successivamente nelle indagini della procura è che il 66enne intorno a mezzanotte era stato dimesso dall’ospedale. L’uomo era entrato intorno alle 19, dopo essere stato soccorso dal 118 per un trauma al capo dovuto a una caduta, stando a quanto ha riferito. «Gli esami eseguiti, compresa la Tac e la valutazione neurologica – fanno sapere dall’azienda sanitaria – non avevano evidenziato elementi di urgenza. Il paziente, nonostante la proposta dei medici di un ulteriore periodo di osservazione, ha chiesto di essere dimesso e ha lasciato il pronto soccorso intorno alle 23.45». 

Il magistrato di turno Stefano Buccini ha deciso di disporre un’autopsia per accertare le cause del decesso. L’esame sarà eseguito giovedì mattina dal medico legale Antonello Cirnelli. Il medico che ha visitato la vittima è stato indagato per omicidio colposo come atto dovuto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento