menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I freddi numeri di un'emergenza in corso: "La droga mestrina finora ha ucciso 14 persone"

Più di un decesso al mese per overdose, con casi di morti in altra provincia dopo l'acquisto dello stupefacente "nostrano". I carabinieri: "Fenomeno sociale, la repressione non basta"

Una scia di morte lunga un anno che alla fine ha ucciso 14 persone, un bollettino di guerra. Sono i numeri del ritorno dell'eroina, sono i numeri di un'emergenza che ha visto la terraferma veneziana diventare capitale in Italia per i decessi da overdose. Il dato è emerso nel corso di una conferenza stampa in occasione della notifica di 5 divieti di dimora ad altrettanti spacciatori di eroina tunisini che sfruttavano i "buchi neri" di Marghera, dove non mancano gli stabili industriali in disuso, per sviluppare i propri traffici illeciti.

Genny e tutti gli altri

Si tratta di immobili simili a quelli dove tutto è iniziato: Genny, 32enne, ad aprile 2017 si rannicchiò in un angolo di uno stabile abbandonato di via della Pila. Il fisico debilitato dalla tossicodipendenza e la morte che arriva in solitudine. Da lì in poi si è spenta la vita di Irma, per esempio, di soli 21 anni. Stava camminando a Mestre e all'improvviso si è sentita male, sotto la pioggia. Sono stati tanti, troppi, a morire per overdose. Come tanti, troppi, sono stati quelli salvati in extremis dai sanitari del 118, grazie al narcan.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I numeri di un'emergenza

Fino ad ora, però, di questa spirale di morte non c'erano numeri ufficiali. Non che cambi granché: il problema rimane, così come rimangono i lutti. Ma i freddi numeri aiutano a volte a dare una dimensione alle cose, e stavolta restituiscono un panorama emergenziale: più di un decesso al mese per overdose legato a droga acquistata a Mestre o a Marghera (2 casi coinvolgono tragedie avvenute fuori provincia). Colpa della qualità esponenzialmente superiore dello stupefacente, con una percentuale di principio attivo ben superiore a ciò che il mercato era abituato a trattare.

"Fenomeno sociale"

Forze dell'ordine e Procura della Repubblica sono al lavoro per cercare di raggiungere i piani alti delle piramidi di spaccio, ma la consapevolezza è che serve di più: "Il problema della droga è un problema trasversale - ha sottolineato il comandante della compagnia di Mestre, maggiore Antonio Bisogno - ci sono tanti spacciatori perché ci sono tanti consumatori. Il problema dell'eroina è un problema sociale e per questo motivo l'attività di contrasto, che c'è, non può essere da sola la panacea in grado di sconfiggere il traffico di droga". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento