Mestre

Decreto ristori, per Cgia 85 milioni destinati alla provincia di Venezia

La stima dell'’ufficio studi dell'associazione di Mestre. «Altri settori artigiani, sebbene non rientrati nelle limitazioni alle aperture è come fossero chiusi»

Mestre, archivio

Decreto Ristori del governo Conte: almeno 85 milioni potrebbero interessare i lavoratori e le imprese della provincia di Venezia, sul totale dei 5,5 miliardi di euro previsti a livello nazionale. Lo dice una stima realizzata dall’ufficio studi della Cgia di Mestre. «Tra la proroga della Cassa integrazione Covid, i sussidi alle aziende, il credito di imposta per gli affitti – afferma Giovanni Gomiero dell’ufficio sindacale - le imprese della ristorazione, del tempo libero e della cultura riceveranno un sostegno utile per non chiudere».

Cgia spezza una lancia a favore, «degli altri settori artigiani che sebbene non siano rientrati nelle limitazioni alle aperture imposte dal decreto Ristori, è come fossero chiusi». Orafi, fotografi, taxisti, alle pulitintolavanderie, parrucchieri, estetiste sarebbero interessati da un calo di lavoro secondo l'associazione artigiani e piccole imprese mestrina. L'impegno del governo è quello di erogare gli indennizzi entro la metà di novembre. «Speriamo – conclude Gomiero – che i termini siano rispettati perchè da oltre 2 mesi tanti esercenti del centro storico, taxisti e autonoleggiatori attendono ancora il contributo che spetta a queste attività nelle città d’arte che hanno subito una drastica riduzione della presenza turistica».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decreto ristori, per Cgia 85 milioni destinati alla provincia di Venezia

VeneziaToday è in caricamento