menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sottopassi di Mestre ancora luoghi di degrado: "Siringhe e sangue in via Giustizia"

Si moltiplicano le richieste di intervento in alcuni punti "delicati" della terraferma. Situazione segnalata da una residente: "Squallore e sporcizia, ci passiamo ogni giorno"

Siringhe, stagnole, fazzoletti intrisi di sangue. Le tracce di chi ha scelto il sottopasso di via della Giustizia a Mestre come rifugio per "farsi" una dose. Così residenti, studenti e lavoratori sono costretti ad assistere quotidianamente a scene di "squallore e sporcizia" dovute alla presenza di tossicodipendenti. "Da qualche settimana - racconta una mestrina - abbiamo trovato siringhe, sangue, stagnole e persone che abusano di sostanze. Non ci sono controlli e sicurezza in un viale che studenti e lavoratori percorrono a piedi tutti i giorni".

Pochi giorni fa una segnalazione analoga era arrivata invece dal sottopasso ciclo-pedonale tra via Rizzardi e via Dante. "Ogni giorno la situazione peggiora - scriveva un residente - Per transitare ci si ritrova a calpestare il sangue fresco e aghi delle siringhe esposti pericolosamente. Ci sono anche bambini". Insomma, i segnalatori chiedono ancora una volta alle istituzioni che prendano provvedimenti, per una situazione che spesso ha oltrepassato i limiti della decenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento