menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Illegalità e degrado a Mestre, a breve un video-documento: "Il sindaco lo guardi con noi"

L'iniziativa è dei CittadiniDiVenezia, gruppo di residenti nel quartiere Piave che da oltre un anno fanno un resoconto della situazione in tema di microcriminalità

Da oltre un anno denunciano al sindaco le condizioni di vita nel quartiere Piave: sono i CittadiniDiVenezia, 500 persone che non riescono più a far fronte alla microcriminalità dilagante nella città in cui abitano e si affidano a quattro portavoce per far sentire le proprie ragioni, nella speranza che le cose possano cambiare il prima possibile e vivere il proprio quotidiano con la dovuta tranquillità, senza temere gli imprevisti di vario genere.

"TROPPA ILLEGALITÀ, BISOGNA SVOLTARE"

"Ci sono alcune decine di persone la cui unica occupazione è spacciare e delinquere sui marciapiedi tutti i giorni per tutto il giorno - dichiara Mauro Salin - Quel che è peggio, negli ultimi mesi sono cresciuti di numero e sono peggiorati nel comportamento, divenuto più aggressivo e violento. Noi residenti, soprattutto nelle vie Fogazzaro e Monte San Michele, due strade maggiormente controllate da spacciatori e malviventi, temiamo per la nostra incolumità e soprattutto per l’incolumità dei nostri figli e delle persone anziane". Gli fa eco un altro dei portavoci, Mario Dea: "Allo spaccio di droga, segue il malcostume: assistiamo quotidianamente a comportamenti incivili di persone che incontri per strada mentre si puliscono il naso con le mani, sputano per terra in modo disgustoso, bivaccano sui marciapiedi e nei giardini, lasciando per terra rifiuti di ogni genere".

I residenti lamentano anche il problema legato al consumo di alcol su pubblica piazza, con persone molto su di giri, la maggior parte delle volte chiassose e incapaci di controllare i propri comportamenti. "È un problema fuori controllo - spiega Samuele Comellato - al di là delle misure recentemente adottate: in particolare la sera, continuiamo a vedere persone che buttate sui marciapiedi bevono, schiamazzano e orinano sui muri dei condomini senza alcun ritegno fino a mattina". Grave, sottolineano i portavoce, è anche il problema dei numerosi negozi sorti lungo le vie Piave, Cappuccina e Corso del Popolo, principalmente, che "appaiono a noi residenti essere non rispettosi delle norme igieniche ed urbanistiche".

IL VIDEO E L'APPELLO

"Dopo un anno di denunce mensili al sindaco, riteniamo che la condizione di vita nel nostro quartiere sia peggiorata drammaticamente. Per dare voce e immagini al nostro spavento e alla nostra preoccupazione, abbiamo deciso di realizzare un breve filmato, con il quale rappresentare la drammaticità della nostra vita quotidiana tra illegalità e degrado del Quartiere Piave. Per la fine di ottobre, intendiamo invitare il sindaco alla visione pubblica di questo nostro documento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento