MestreToday

Borseggiano il turista in autobus, fermati da poliziotti in borghese

È successo questa mattina, in prossimità della stazione di Mestre. Denunciati 4 cittadini romeni: avevano rubato il portafoglio a un cittadino cinese

Hanno messo nel mirino un turista cinese, quella che sembrava essere la vittima ideale. Questa mattinata la polizia ferroviaria di Mestre ha denunciato per furto aggravato quattro cittadini romeni, di età compresa tra i 35 e i 40 anni. Alcuni dei quali già noti alle forze dell'ordine.

Modus operandi

Gli agenti della Polfer si trovavano in un servizio di controllo in abiti civili, quando hanno adocchiato il gruppetto di criminali che si aggirava con fare sospetto tra i turisti in attesa di prendere l'autobus per Venezia. Insospettiti, hanno quindi deciso di seguirli anche a bordo del mezzo per la laguna, dove hanno messo nel mirino, per l'appunto, un uomo di nazionalità cinese. I quattro malviventi hanno messo a punto il loro classico modus operandi: approfittando della folla e della confusione, hanno cominciato a spintonare la propria vittima, per permettere ad uno di loro di infilare la mano nel borsello e sfilare il portafoglio all'ignaro turista.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Denunciati

Il gruppetto si è quindi fermato alla prima fermata utile, allontanandosi frettolosamente, probabilmente in direzione della stazione ferroviaria. Gli agenti non hanno perso tempo, bloccando immediatamente i malviventi, poi trovati in possesso del portafoglio. Identificati, sono stati denunciati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carte false per mantenere in famiglia la licenza di taxi acqueo: denunciati padre e figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento