menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bolletta "ingiusta" da mille euro: scatena il putiferio negli uffici Veritas Energia a Mestre

Un 54enne martedì ha scaraventato a terra il computer di un'addetta e ha preso a calci e pugni una guardia giurata. Sul posto è intervenuta la polizia. E' scattata una denuncia

E' andato su tutte le furie per una bolletta che a suo dire non avrebbe dovuto pagare, ma la risposta dell'operatrice Veritas Energia non l'ha evidentemente soddisfatto. Si è conclusa con una denuncia la "visita" di un 54enne già noto alle forze dell'ordine martedì pomeriggio agli uffici Veritas Energia di piazzale Leonardo Da Vinci a Mestre: l'uomo avrebbe messo piede nella struttura con fare piuttosto aggressivo, inveendo contro un'impiegata.

"Quella bolletta è ingiusta"

A farlo andare su tutte le furie una fattura del gas di circa mille euro considerata "ingiusta": "Io in quell'abitazione non sono più residente", avrebbe spiegato l'uomo. L'addetta avrebbe spiegato che non sarebbe stato possibile annullare la bolletta, ma che c'erano alternative percorribili. Parole che non sono servite a tranquillizzare il 54enne, che a un certo punto ha perso il controllo e ha scaraventato a terra il computer della donna.

Guardia giurata presa a calci e pugni

A quel punto è intervenuta una guardia giurata ed è scaturita una colluttazione: l'addetto alla sicurezza è stato colpito ripetutamente con calci e pugni ma è riuscito comunque a immobilizzare l'esagitato fino all'arrivo della polizia. Al termine degli accertamenti il facinoroso è stato denunciato a piede libero per danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento