menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Derubato mentre gioca al video poker, le telecamere lo incastrano

Gli agenti hanno incrociato le immagini del bar con quelle degli sportelli dove il ladro ha prelevato indebitamente. Fermato dopo alcuni giorni a Mestre

Incastrato grazie alle telecamere del locale e dei bancomat: nei giorni scorsi a Mestre un uomo di settant’anni, in attesa di prendere il treno, decide di tentare la sorte impegnando per qualche minuto un videopoker al'interno di un esercizio pubblico vicino alla stazione. La fortuna sembra sorridergli e l’uomo in  pochi minuti riesce a vincere qualche gettone. Poi si accorge che si sta avvicinando l’orario di partenza del treno, raccoglie la vincita e si rivolge al gestore del locale per effettuare il cambio valuta. Prende il borsello e il sacchetto delle spese e si dirige frettolosamente verso i binari.

È a quel punto che, cercando il borsello per prendere il biglietto del treno, si accorge di non averlo più con sé. L'uomo fa mente locale e realizza di averlo scordato nel bar: decide immediatamente di denunciare l’accaduto alla polizia ferroviaria. Nel portafogli c'erano 100 euro, due bancomat e documenti. Gli agenti si recano allora nel bar, dove il gestore mette a disposizione le registrazioni del sistema di videosorveglianza dell'area giochi: l’esame delle immagini permette di individuare chiaramente l’autore del furto che, approfittando della distrazione dell’anziano, si era velocemente impossessato del portafogli lasciato per qualche istante sopra lo sgabello.

Il giorno dopo si scopre che nei minuti successivi al furto sono stati addebitati tre prelievi dai bancomat rubati, per un ammontare di 1500 euro. La polizia analizza allora anche le immagini riprese dalle telecamere degli sportelli, confermando così l'identità del malvivente: è M. A., 48 enne romeno residente a Marghera, abituale frequentatore dell’esercizio pubblico di Mestre. L'uomo viene fermato proprio lì, dopo alcuni giorni di appostamento degli agenti: ora è indagato in stato di libertà .

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento