menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I residenti chiamano la polizia, blitz in casa in corso del Popolo: dentro eroina e marijuana

Mestre: un pusher in carcere, un altro denunciato. Possibili guai anche per la proprietaria dell'abitazione. I vicini si sono complimentati per il successo dell'operazione

L'intervento è stato innescato su precisa segnalazione dei residenti, insospettiti dall'andirivieni nell'appartamento di un palazzo di corso del Popolo a Mestre. La polizia ha osservato la situazione per qualche tempo, notando che effettivamente diverse persone ne entravano e uscivano regolarmente: così lunedì mattina è scattata l'irruzione da parte degli agenti del commissariato di Mestre. Al terzo piano dello stabile, in un appartamento in uso ad una donna di nazionalità cinese, sono stati trovati due tunisini "ospiti" nell’abitazione, ma in maniera del tutto clandestina.

Nella stanza di uno di loro, sotto al letto, gli uomini in divisa hanno rinvenuto un “mattoncino” di eroina ancora da lavorare, ma pronta per essere confezionata e venduta, oltre a un bilancino: dal quantitativo potevano essere ricavate almeno 400 singole dosi, da vendere al dettaglio, per un valore di oltre mille euro. L’appartamento è stato controllato attentamente anche dai cani antidroga.

L'uomo che occupava la stanza, 34enne di nazionalità tunisina, è risultato avere diversi precedenti a carico per droga: condotto negli uffici di via Cà Rossa, è stato arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio. Infine è stato condotto al carcere di Santa Maria Maggiore. Per il connazionale, invece, è stata decisa una denuncia in stato di libertà, in quanto detentore di alcune dosi di marijuana.

Le indagini proseguono: c'è da chiarire la posizione della titolare dell’appartamento, che dovrà spiegare il motivo per cui stava dando ospitalità illecita a due extracomunitari, clandestini sul territorio nazionale. Per il 34enne, identificato con regolare passaporto, al termine del processo a suo carico inizierà l’iter per l’espulsione. I cittadini della zona nel pomeriggio hanno espresso la loro soddisfazione con alcune telefonate di complimenti al centralino del commissariato di Mestre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento