menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Muore e lascia in eredità due milioni al Comune: "Per i bimbi"

Una pensionata mestrina già dal 2000 aveva firmato un testamento con cui voleva aiutare i minori e la scuola. Il "tesoretto" va a Ca' Farsetti

Lo aveva deciso già molti anni fa: i soldi li avrebbe donati al Comune. A un solo patto: che venissero spesi per i bambini. Per la scuola. Così è stato. Un'anziana residente a Mestre vicino alla stazione, come riporta il Corriere del Veneto, non aveva parenti che l'accudivano. Ha quindi deciso che i propri soldi sarebbero andati alla badante e a chi ne ha davvero bisogno: in tutto si parla di quasi due milioni di euro, 104mila dei quali andranno alla donna che si presa cura di lei nell'ultima fase della propria vita. Il resto andrà a Ca' Farsetti, col vincolo che il "tesoretto" venga utilizzato "per i bambini poveri, per la scuola".

Il testamento è stato firmato nel 2000, quando ancora c'erano le lire. L'8 aprile di quest'anno, poi, G.B. è mancata e il 2 agosto le sue volontà sono state pubblicate. Il Comune quindi ha effettuato delle verifiche e ha scoperto che la benefattrice possedeva un edificio a San Vendemiano, un appartamento a Mestre e un conto corrente da quasi due milioni di euro. Cifra che in tempi di vacche magre, se utilizzati al meglio, potrebbero davvero migliorare la situazione di molti bambini veneziani meno fortunati.

A quanto pare Ca' Farsetti starebbe pensando con quel gruzzolo di potenziare i servizi di inserimento scolastico per i bambini che vivono in situazioni disagiate e, se possibile, indirizzare parte dei soldi alle Municipalità, cui il tribunale dei minori affida i casi più gravi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento