rotate-mobile
Mestre Mestre Centro / Via Col di Lana

Muore e lascia in eredità due milioni al Comune: "Per i bimbi"

Una pensionata mestrina già dal 2000 aveva firmato un testamento con cui voleva aiutare i minori e la scuola. Il "tesoretto" va a Ca' Farsetti

Lo aveva deciso già molti anni fa: i soldi li avrebbe donati al Comune. A un solo patto: che venissero spesi per i bambini. Per la scuola. Così è stato. Un'anziana residente a Mestre vicino alla stazione, come riporta il Corriere del Veneto, non aveva parenti che l'accudivano. Ha quindi deciso che i propri soldi sarebbero andati alla badante e a chi ne ha davvero bisogno: in tutto si parla di quasi due milioni di euro, 104mila dei quali andranno alla donna che si presa cura di lei nell'ultima fase della propria vita. Il resto andrà a Ca' Farsetti, col vincolo che il "tesoretto" venga utilizzato "per i bambini poveri, per la scuola".

Il testamento è stato firmato nel 2000, quando ancora c'erano le lire. L'8 aprile di quest'anno, poi, G.B. è mancata e il 2 agosto le sue volontà sono state pubblicate. Il Comune quindi ha effettuato delle verifiche e ha scoperto che la benefattrice possedeva un edificio a San Vendemiano, un appartamento a Mestre e un conto corrente da quasi due milioni di euro. Cifra che in tempi di vacche magre, se utilizzati al meglio, potrebbero davvero migliorare la situazione di molti bambini veneziani meno fortunati.

A quanto pare Ca' Farsetti starebbe pensando con quel gruzzolo di potenziare i servizi di inserimento scolastico per i bambini che vivono in situazioni disagiate e, se possibile, indirizzare parte dei soldi alle Municipalità, cui il tribunale dei minori affida i casi più gravi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore e lascia in eredità due milioni al Comune: "Per i bimbi"

VeneziaToday è in caricamento