Favaro Veneto Favaro Veneto

Bevevano lo spritz al banco: clienti sanzionati e bar chiuso per 5 giorni

I carabinieri hanno colto in flagrante i clienti all'interno di un locale di Piazza Pastrello, mentre consumavano tranquillamente l'aperitivo

Nonostante le restrizioni imposte per il contenimento della circolazione del coronavirus, servivano alcolici e spritz che venivano consumati dirattamente all'interno del locale. Per questo motivo, nei giorni scorsi i carabinieri di Favaro hanno sanzionato clienti e titolari di un bar della centrale piazza Pastrello. Al locale, il bar Giada, è stata imposta anche la chiusura di 5 giorni.

Si tratta, a quanto sembra, di una pratica abbastanza diffusa, tra chi riesce a celarsi meglio e chi, invece, fa tutto alla luce del sole. Negli ultimi giorni sono numerosi i cittadini multati dai carabinieri della compagnia di Mestre, da Marcon fino a Noale, così come in Riviera del Brenta, perché trovati in fallo: molte le persone che consumavano all'interno del bar, altrettanti quelli che si assembravano come non ci fosse un'epidemia sanitaria in corso.

Episodi di questo tipo sono stati segnalati anche a Venezia, in particolare dopo l'avvio dell'iniziativa di protesta "io apro" avvenuta il 15 gennaio. I residenti hanno notato, ad esempio, l'attività "dubbia" di alcuni bar situati nella zona dell'ospedale (uno di questi lo dichiara apertamente con dei cartelli affissi sulla vetrina); altri ancora alla Giudecca: i locali naturalmente possono restare aperti per il servizio di asporto ma capita anche che i clienti si siedano e consumino sul posto. I controlli ci sono, ma non è detto che arrivino al momento giusto. Nel caso del bar di Favaro, secondo le forze dell'ordine, non ci sono stati dubbi sull'irregolarità dell'attività.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bevevano lo spritz al banco: clienti sanzionati e bar chiuso per 5 giorni

VeneziaToday è in caricamento