rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Favaro Veneto Favaro Veneto / Via Altinia

Donna "sprangata" a Favaro, si costituisce il quarto del commando

Dopo gli arresti di Gatano Braidic e due suoi figli si è presentato in caserma un nipote del capofamiglia. Ora ai domiciliari nel villaggio

A poche ore dagli arresti all'alba di martedì una quarta persona finisce in manette per il pestaggio dello scorso febbraio di una donna in via Altinia a Favaro Veneto.  Si tratta di un 20enne nipote di Gaetano Braidic, il 58enne capo famiglia del villaggio sinti di via del Granoturco ora recluso nel carcere di Udine.

TERRORE AL VILLAGGIO: SPARI IN PIENO GIORNO

Il giovane, al pari dei due figli del leader del clan, è accusato di aver partecipato all'aggressione a suon di bastoni e sprange La malcapitata, infatti, venne fermata nel traffico in pieno pomeriggio mentre si trovava a bordo di una Ford Focus e trascinata fuori a forza. Poi è esplosa la violenza. Finestrini in frantumi e botte anche alla donna, colpevole di essere vicina alla famiglia degli Hudorovich, rivale dei Braidic in una faida che si trascina ormai da diversi mesi.

DONNA "SPRANGATA": IDENTIFICATO IL COMMANDO

Il 20enne si è presentato spontaneamente alla stazione locale dei carabinieri, costituendosi. Ha ammesso di essere il quarto componente della spedizione punitiva. Ora si trova ai domiciliari nella sua casetta all'interno del villaggio sinti. Dovrà rispondere al pari degli altri di lesioni aggravate in concorso, danneggiamento aggravato in concorso e violenza privata in concorso.

PRESA A SPRANGATE IN STRADA A FAVARO

IL FILMATO DELL'AGGRESSIONE

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna "sprangata" a Favaro, si costituisce il quarto del commando

VeneziaToday è in caricamento