rotate-mobile
Mestre Mestre Centro / Viale San Marco

Si finge fabbro per entrare in casa S.O.S. Mestre allerta i cittadini

Aveva provato il suo "trucco" con una giovane in viale San Marco, ma la ragazza non gli ha creduto e ha minacciato di chiamare le forze dell'ordine

Gli scrupoli, di questi tempi, non sono mai troppi e, quando ci si trova sull'uscio di casa propria, è meglio averne anche di più. Sono sempre più numerosi, infatti, i casi di truffe ad opera di sedicenti operatori comunali, falsi addetti Enel o “volontari” Caritas. Al lungo elenco di professioni fittizie, adesso, si aggiunge anche quella di fabbro, come racconta una ragazza di viale San Marco e il gruppo S.O.S. Mestre.

VOLANTINI CONTRO LE TRUFFE – A suonare alla porta della giovane, nei giorni scorsi, è stato uno straniero, apparso improvvisamente davanti all'uscio. L'uomo, di apparenti origini esteuropee, si è qualificato come un fabbro e ha raccontato alla ragazza di essere stato chiamato per un intervento in casa dalla madre della giovane. La mestrina, intuendo qualcosa che non andava, si è però chiusa la porta alle spalle e ha minacciato di chiamare le forze dell'ordine. La ragazza ha quindi allertato i ragazzi di S.O.S. Mestre, un gruppo che da tempo ormai si occupa di segnalare i fenomeni di microcriminalità e di degrado in tutta la terraferma. Gli attivisti si sono subito mobilitati e, stampato un nuovo volantino ad hoc, con tutte le informazioni raccolte sui truffatori che operano in città, hanno tappezzato le strade e gli edifici del centro con i nuovi avvisi. La speranza del gruppo è che, in questo modo, aumenti il livello di attenzione della cittadinanza e siano sempre più numerosi i casi di truffa “a vuoto” grazie ad una maggiore consapevolezza delle vittime.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si finge fabbro per entrare in casa S.O.S. Mestre allerta i cittadini

VeneziaToday è in caricamento