menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tentativi di furto sventati: due bloccati con 11 confezioni di caffè spintonano gli agenti

La polizia di Stato ha fermato 2 stranieri domenica che hanno riempito gli zaini in un supermercato, e un 30enne che ha cercato di sottrarre un giubbotto indossandolo sotto il suo

Tentati furti sventati, grazie all'intervento della polizia, domenica a Mestre. Due ragazzi, zaino in spalla, hanno cominciato ad aggirarsi guardinghi per le corsie di un supermercato in centro, domenica verso le 15, destando il sospetto del responsabile del servizio di sicurezza. Quando hanno superato le barriere antitaccheggio il vigilante li ha fermati e invitati a seguirlo nei locali interni. Sul posto è arrivata la volante, i due hanno ammesso di avere prelevato della merce e hanno tirato fuori dai pantaloni e dagli zaini 11 confezioni di caffè, per un valore di 50 euro circa, senza bisogno per i poliziotti di procedere a perquisizione. Identificati per S.H. 21enne di nazionalità tunisina e A.M.B. 27enne di origini libanesi, quando hanno compreso che sarebbero stati denunciati si sono agitati, uno dei due ha dato in escandescenze, gridando e spintonando gli operatori di polizia, comportamento che gli è costato anche una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.

Indossa il giaccone per portarlo via

Sempre nel pomeriggio un cittadino di nazionalità tunisina con un cappotto verde, pantaloni verdi e capello mimetico, si è introdotto in un grande negozio di abbigliamento in zona Auchan. Il vestiario ha attirato l’attenzione del personale di vigilanza che lo ha seguito nel negozio e ha potuto accorgersi che l'uomo, dopo avere selezionato due giubbotti, si è diretto verso i camerini, da cui è uscito qualche minuto dopo, ma con solo uno dei giacconi ancora in mano. Il vigilante lo ha fermato facendogli ammettere di avere tentato il furto del secondo capo d’abbigliamento, che aveva indossato sotto la sua giacca. Il responsabile del negozio ha chiesto l’intervento della polizia di Stato che giunta sul posto ha condotto l’uomo nei propri locali, per l’identificazione. A carico dello stesso R.S. di 30 anni sono stati riscontrati precedenti, un obbligo di dimora emesso dal tribunale di Verona nel settembre dello scorso anno e un rintraccio del maggio del 2017 dei carabinieri di Meolo. Il 30enne è stato arrestato per il tentato furto aggravato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento