menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colpo in grande stile da Maxi Toys: picconate al muro e cassaforte asportata a Mestre

L'incursione nella notte tra mercoledì e giovedì a due passi dal centro Auchan. Il bottino sarebbe di circa 2mila euro in contanti. Polizia al lavoro per individuare i responsabili

Un colpo in grande stile, se non altro per il fatto che hanno forzato diverse porte e lavorato sodo con un piccone. Ladri in azione nella notte tra mercoledì e giovedì quando, verso le 2.40, è scattato l'allarme anti intrusione nel negozio Maxi Toys situato nel centro commerciale UMI2 di via Paccagnella, a due passi dall'Auchan. Sul posto si sono portate due volanti della questura, inviate subito sul posto. Dei banditi, purtroppo, nessuna traccia. Sono riusciti a scappare con il bottino prima dell'intervento delle forze dell'ordine a bordo di una Chrysler di grossa cilindrata.

PICCONATE AL MURO PER LA CASSAFORTE

Inequivocabili i segni del passaggio dei malintenzionati: uno dei pannelli della porta del magazzino, situata sul lato posteriore dell'edificio, era stato sfondato e un muro in cartongesso dell'ufficio direzionale era stato divelto. Da una prima ricostruzione, due delinquenti si sarebbero introdotti nello stabile e si sarebbero diretti verso il settore amministrativo. Avevano chiaro il loro obiettivo: una volta davanti alla cassaforte hanno picconato il muro in cartongesso e hanno rimosso il forziere, che custodiva al suo interno circa 2mila euro, almeno secondo le prime stime del personale del negozio. La polizia è al lavoro per dare un volto e un nome agli autori del furto, anche visionando le telecamere di sorveglianza della zona che hanno immortalato in più occasione i malviventi in azione.

CASSAFORTE RITROVATA IN VIA BOTTENIGO

Il forziere è stato individuato alcune ore più tardi in via Bottenigo a Marghera nelle vicinanze di una ditta, il cui proprietario naturalmente è caduto dalle nuvole nel momento in cui ha raggiunto il suo luogo di lavoro. Nelle immagini della videosorveglianza dell'esercizio derubato si vedono 3 persone alternarsi per fare da palo o da "incursore". E' stato usato un piede di porco per mettere ko la porta del magazzino sul retro e quella dell'ufficio amministrativo (dove gli intrusi sarebbero entrati a colpo sicuro). A coprire i loro volti dei berretti e delle bandane posizionate attorno al collo. Il raid sarebbe durato non più di 5 minuti, dopodiché la fuga a bordo del Chrysler su cui ora si stanno concentrando le indagini della Questura. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento