MestreToday

Quindicenne stramazza a terra, in coma dopo la festa a Mestre

Il minore è stato visto camminare da via Pertini. Poi il malore alle 5 di mattina di domenica, al termine di una serata passata in via della Crusca

I sanitari del Suem lo hanno soccorso mentre si trovava inerte a terra. Privo di sensi. Un quindicenne di Jesolo, come riporta il Gazzettino, è finito in coma al termine di una festa organizzata sabato sera in zona via della Crusca. Il giovane lunedì si trovava ancora ricoverato all'ospedale dell'Angelo in terapia intensiva, dopo essersi svegliato solo nel tardo pomeriggio di domenica.

A lanciare l'allarme una prima telefonata al 118, che parlava di un ragazzo che camminava provenendo da via Pertini che si era appena accasciato al suolo. All'inizio sembrava comunque cosciente nonostante il malore. Dopo pochi minuti, però, la seconda telefonata. Il quindicenne non rispondeva più. Svenuto. I medici che lo hanno soccorso hanno trovato il minore con la febbre altissima.

Ora si aspettano i risultati degli esami tossicologici, per capire se l'episodio fosse stato dovuto a un eventuale utilizzo di stupefacenti mischiati magari ad alcol. Dell'accaduto è stata informata anche la polizia, che solo una settimana fa era intervenuta sempre in via della Crusca per far terminare un'altra serata a tema. In quel caso furono molti i giovanissimi finiti all'ospedale per smaltire la sbornia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento