Mestre

Hacker rubano 10mila euro dal conto di una coppia mestrina

I due si sono rivolti a Adico e hanno denunciato il fatto alle forze dell'ordine. A quanto sostengono, sarebbero state effettuate 4 transazioni non autorizzate

Due risparmiatori mestrini sono rimasti vittima di una truffa informatica. Secondo quando raccontato all’ufficio legale di Adico, la coppia, titolare di un unico conto corrente, avrebbe riscontrato un ammanco di 10mila euro a seguito di un attacco hacker. In particolare, nel giro di due giorni avrebbero registrato quattro transazioni, ciascuna da 2500 euro a favore di carte ricaricabili.

I due soci affermano di non aver mai autorizzato le operazioni e di non aver mai fornito a terze persone le credenziali di accesso delle proprie posizioni bancarie. «D’altra parte - spiega il presidente dell'associazione Carlo Garofolini - oramai i risparmiatori sanno benissimo i rischi che corrono se forniscono dati sensibili e infatti quando si rivolgono a noi si dimostrano molto ligi su questo fronte tanto da preoccuparsi a volte per situazioni che non presentano alcun tipo di pericolo». Le due persone, fanno sapere da Adico, hanno denunciato il fatto alle autorità competenti.

«È chiaro che sia un periodo florido per i truffatori del web come stiamo dicendo da mesi. - conclude Garofolini - Probabilmente è necessario che i conti correnti vengano protetti con sistemi di sicurezza molto più sofisticati, visto che sempre più sofisticate sono le frodi messe in atto dai malviventi».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hacker rubano 10mila euro dal conto di una coppia mestrina

VeneziaToday è in caricamento