MestreToday

Tennis di via Olimpia al club Mestre in cambio della manutenzione

Brugnaro: «Invertita la tendenza nella gestione degli impianti sportivi in una logica di sussidiarietà tra pubblico e privato»

Impianto di tennis di via Olimpia

La giunta Brugnaro ha affidato la gestione dell’impianto sportivo Tennis di via Olimpia all'associazione Tennis Club Mestre che si impegna in lavori di manutenzione e messa a norma. «Abbiamo invertito la tendenza nella gestione e l'utilizzo degli impianti sportivi - commenta il sindaco Luigi Brugnaro -. In una logica di sussidiarietà tra pubblico e privato si è deciso di permettere, alle associazioni che si sono dichiarate disponibili, di farsi carico di importanti lavori di manutenzione e riqualificazione delle strutture, a fronte di un accordo con il Comune e di una concessione d’uso pluriennale, che permetta di pianificare l’investimento».

I lavori

Per 6 anni Tennis Club Mestre si impegna a eseguire lavori, per un importo di oltre 108 mila euro, per realizzare una piattaforma elevatrice e consentire l’accesso al piano rialzato, del club house, anche alle persone con disabilità, per mettere a norma gli impianti, i locali dedicati alla cucina, quelli della zona bar e segreteria e per la realizzazione di una nuova tribuna metallica al posto di quella da demolire al campo 1. Inoltre il Comune di Venezia destina all’associazione il contributo della Regione Veneto di 55 mila euro per la realizzazione di un campo da tennis al posto degli ex campi 7 e 8, ora occupati, per l'esecuzione dell’intervento Nuova fermata di Olimpia Mestre Centro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Impianti sportivi

La legge del 22 febbraio 2016, misure urgenti per interventi sul territorio, spiega il direttore dei Servizi sportivi del Comune di Venezia Maurizio Carlin, stabilisce che, al di fuori degli interventi previsti dal piano interventi proposto dal Coni e approvato con decreto del presidente del Consiglio dei ministri, le associazioni e le società sportive, senza fini di lucro, possono presentare al Comune un progetto teso a favorire l’aggregazione sociale e giovanile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Elezioni 2020, a Portogruaro sarà ballottaggio tra Santandrea e Favero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento