menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Vi invito tutti a La Nave de Vero", il finto Orsoni killer dei piccoli negozi

Strade mestrine tappezzate da una ordinanza fasulla del primo cittadino che plaude all'arrivo dell'ennesimo "iper" in città. Denuncia contro ignoti

Commercianti del centro mestrino sul piede di guerra in vista dell'apertura del nuovo centro commerciale "Nave de Vero" a Marghera. Se con ogni probabilità giovedì mattina si registrerà l'ennesimo assalto delle migliaia di persone che vogliono scoprire i 120 nuovi negozi che apriranno i battenti sulla Romea, c'è chi invece vede il nuovo "iper" come il fumo negli occhi. E in modo ironico ha deciso di attaccare l'amministrazione comunale, rea, pare di capire, di non tutelare gli interessi dei piccoli esercenti. Che tra crisi, modifiche alla viabilità, cantieri e concorrenza della grande distribuzione si trovano con l'acqua alla gola.

Per questo motivo qualche buontempone (che però ha voluto far emergere una criticità molto seria) si è divertito a tappezzare le vetrine mestrine di un fac simile di un'ordinanza del sindaco Giorgio Orsoni. "Invito tutta la cittadinanza a presenziare, giovedì 17 aprile, all'inaugurazione del nuovo centro commerciale "Nave de Vero" in località Ca' Emiliani a Marghera - esordisce il documento, firmato falsamente dal primo cittadino lagunare - Questa nuova apertura è molto importante per la città e conferma il grande impegno decennale dell'amministrazione nello sviluppo della grande distribuzione. I risultati sono ormai tangibili: i piccoli negozi del centro continuano a chiudere, Mestre e Marghera sono divenute dei dormitori, la microcriminalità cresce e l'unico modo per fare la spesa è prendere l'automobile (oppure il tram se e quando PMV lo finirà)".

Insomma, un attacco bello e buono a Comune e Giunta. La polizia municipale ha quindi subito rimosso i fogli, comparsi soprattutto in via Olivi, e denunciato per ignoti l'autore. "Ora un migliaio de nostri giovani potrà comunue trovare un'occuppazione più che qualificata dentro la "Nave" - conclude il documento - anche se per tali posti di lavoro, come ricorda la Cgia dell'amico Bortolussi, si sarebbero persi corrispondentemente circa cinquemila posti negli esercizi di vicinato. Sciocchezze. Una felice Pasqua a tutti - la chiusa - (e godetevi lo shopping anche a Pasquetta)!". Firmato, il sindaco Giorgio Orsoni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento