menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incidente sul lavoro a Mestre: incastrato nel macchinario, perde la vita in ospedale

La tragedia alle 6 di martedì alla HotelService di via Paganello a Mestre. La vittima è un 33enne bengalese, fin da subito apparso in gravi condizioni. Lascia nel dolore la moglie

Non ce l'ha fatta, nonostante gli sforzi sanitari e un intervento chirurgico d'urgenza. L'incidente sul lavoro che ha caratterizzato la prima mattinata mestrina di martedì si è concluso in tragedia: Alin Shamiul, 33enne bengalese (avrebbe compiuto 34 anni il prossimo 1 luglio), ha perso la vita a causa dei traumi da schiacciamento riportati a causa di un inconveniente che si è verificato nella ditta "HotelService" di via Paganello a Mestre.

Indagini dello Spisal

La dinamica dell'accaduto è in via di ricostruzione da parte degli ispettori dello Spisal dell'Ulss 3 "Serenissima". A quanto pare il giovane, verso le 6, sarebbe intervenuto a causa di un macchinario andato in blocco, una specie di nastro trasportatore. Durante l'operazione, però, quest'ultimo sarebbe ripartito spingendo la vittima verso gli ingranaggi: è stata "liberata" solo grazie ai vigili del fuoco, i quali poi hanno affidato l'infortunato allo staff del Suem. Fin da subito è stato chiaro che lo scenario era compromesso. Nella ditta, specializzata in lavanderie industriali e noleggio di biancheria, con, tra i clienti, hotel e strutture ricettive, si sono portate anche le forze dell'ordine e gli accertamenti sono durati a lungo. Nel frattempo il ferito è stato trasportato in codice rosso all'ospedale dell'Angelo di Mestre.

L'azienda

Conferma l'incidente uno dei responsabili dell'azienda: "La persona coinvolta è stata portata via in ambulanza - spiega - Poi è arrivato il personale dello Spisal per eseguire i controlli previsti in questi casi. Hanno anche acquisito alcuni documenti". Lo stabilimento, o almeno parte di esso, ha continuato l'attività in mattinata.

Comunità bengalese in lutto

Fin da subito la notizia dell'accaduto si è allargata alla numerosa comunità bengalese residente in città. Alin Shamiul era molto ben voluto e sarebbe arrivato a Venezia da molti anni. Abitava in un appartamento di via Napoli, a due passi da corso del Popolo. Lascia nel dolore la moglie, sua connazionale.

Incontro con i lavoratori

"Non è il momento né delle polemiche né di colpevolizzare qualcuno - scrive Michele Pettenò del sindacato Filctem Cgil Venezia -, ma pensare che oggi nonostante l’impegno profuso in termini di sicurezza nelle aziende inserite nel nostro territorio ci sia ancora chi perde la vita lavorando è inaccettabile. Abbiamo coadiuvato un’assemblea di gruppo con i lavoratori di questa azienda che nel nostro territorio conta due stabilimenti, il primo a Mira con 60 dipendenti e l’altro a Mestre, con altrettante maestranze. Aspettiamo di sapere, dal sopralluogo degli enti preposti, se emergeranno responsabilità su quanto accaduto, rimarcando che la sicurezza nei posti di lavoro è una priorità che ci riguarda tutti. Nelle prossime ore, dopo aver incontrato i lavoratori, decideremo eventuali azioni mirate a far sì che episodi del genere non si ripetano più, unendoci al dolore della famiglia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento