Mestre Via Sandro Pertini

Accordo sul rione Pertini, lavori conclusi entro l'estate prossima. La fontana diventa un'aiuola

Incontro tra la Zaccariotto e i rappresentanti del quartiere. Stanziati 120mila euro per il rifacimento della piazzetta e la sistemazione del verde. I residenti: "Solo un primo step"

La piazzetta del quartiere Pertini tornerà a nuova vita dopo anni di incuria: "Un luogo di incontro e socialità", promette l'amministrazione, grazie agli interventi di ristrutturazione e manutenzione straordinaria che saranno realizzati entro l'estate prossima. Ha portato ad un primo risultato concreto, e condiviso, l'incontro tenutosi mercoledì mattina, in Carbonifera, tra l'assessora ai Lavori pubblici, Francesca Zaccariotto, accompagnata dal direttore del settore Lavori pubblici, Simone Agrondi, con i rappresentanti del comitato Rione Pertini.

Piazza e verde pubblico

Previsti interventi che coinvolgeranno la piazza e le immediate vicinanze: in particolare sarà tolta la poco sicura (e spesso oramai mancante) pavimentazione; sarà rifatto il manto sottostante e sarà realizzato un rivestimento in calcestruzzo con vernici colorate che contribuiranno a migliorare anche la parte attuale. Si procederà inoltre alla sistemazione del verde, liberando gli alberi dal cemento; si potenzierà l'illuminazione pubblica; si trasformerà l'attuale fontana in una fioriera.

I residenti "Vogliamo rivoltare il quartiere"

Per il portavoce dei residenti, Giorgio Rocelli, si tratta di un progetto di intervento "moderatamente soddisfacente, anche se restano criticità" di competenza di altri assessorati o enti. "I 120 mila euro devono essere reali e tutti destinati alla piazzetta - ha specificato - Per l'illuminazione il Comune dovrà trovare altre risorse. Consideriamo questi soldi come un primo step sulla piazzetta, che ha bisogno di 400 o 500mila euro". Si è parlato anche di altri progetti: "Abbiamo chiesto un campetto di calcio a 5 - spiega Rocelli - affinché i giovani restino nel quartiere a fare attività fisica. E per gli anziani un boccioforo. L'area deve avere qualcosa da offrire. Vogliamo capovolgere questo quartiere, creare attività per socializzare. Se i soldi non ci sono ora, abbiamo chiesto al Comune di impegnarsi per trovarne in futuro. Abbiamo rinnovato l'invito al sindaco a venire a trovarci, che ci metta la faccia. Qui ci sono delle difficoltà enormi, disabili, anziani. Chi se ne fa carico? Sono degli invisibili ma a carico dei volontari del quartiere senza risorse".

"Un progetto concreto dopo anni di abbandono"

"I problemi del quartiere - ricorda Zaccariotto - sono annosi ed iniziano già dalla sua realizzazione, negli anni ottanta, ad opera di privati, con una serie di opere e interventi lacunosi dal punto di vista tecnico. Né la situazione è migliorata quando le aree sono state acquisite dal patrimonio pubblico: si viene da anni di incuria e colpevole abbandono. Così, quelli che prima potevano essere semplici interventi di manutenzione ordinaria sono diventati di manutenzione straordinaria. Da parte nostra solo ora, dopo due anni di sacrifici per rientrare nei vincoli fissati del patto di stabilità, abbiamo potuto recuperare 120mila euro per gli interventi più urgenti. Si tratta di soldi 'veri, già a nostra disposizione. Ora i nostri uffici predisporranno, in accordo col comitato, il progetto definitivo, così potremo procedere con la gara di appalto e con i lavori, che comunque, anche per ragioni climatiche, dovranno essere realizzati non prima della primavera. Ulteriori futuri interventi, una volta trovate le risorse necessarie, saranno ugualmente individuati attraverso un percorso condiviso tra l'amministrazione ed il comitato. Vogliamo procedere per gradi, senza fare il passo più lungo della gamba".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accordo sul rione Pertini, lavori conclusi entro l'estate prossima. La fontana diventa un'aiuola

VeneziaToday è in caricamento